HomeAmbientePINOT BIANCO LE MONDE 2021

PINOT BIANCO LE MONDE 2021

PINOT BIANCO LE MONDE 2021

                 Non lasciatevi ingannare dal nome della cantina: questo è un vino tutto italiano e,come molti vini bianchi di eccellenza, viene dal Friuli, regione

solcata verticalmente da Piave, Isonzo e Tagliamento, dove le zone più vocate alla coltivazione della vite sono concentrate nella parte orientale, come le ampie e levigate colline del Collio e dei Colli Orientali, e, all’estremo est dell’Italia, l’altopiano roccioso del Carso, dal paesaggio brullo e quasi lunare. A Prata di Pordenone sorge l’azienda di Alex Maccan denominata Vigneti Le Monde. Il nome della cantina risale al termine medioevale “Munda” che indicava le terre riservate, cioè protette dalla legge germanica. La tenuta, la cui presenza è attestata a partire dal 1700, è oggi l’unica casa rurale d’epoca ancora attiva grazie al lavoro di Alex e del suo team, impegnati nella valorizzazione del territorio con la produzione di vini eleganti e freschi. Grande attenzione è rivolta anche alla sostenibilità ambientale e alle innovazioni in cantina, due temi che per una realtà da oltre mezzo milione di bottiglie si rivelano fondamentali. Mi piace segnalare che il vino oggi in degustazione è stato premiato con il massimo dei voti dal Gambero Rosso (tre bicchieri) ed ha un rapporto qualità prezzo sbalorditivo. Non a caso mentre lo assaporavo mi è tornata alla mente la massima di Apuleio :” Il primo bicchiere è per la sete, il secondo per la gioia, il terzo per il piacere, il quarto per la follia”. Andare oltre sarebbe pericoloso. Prosit, comunque. 

Provenienza : Prata – Friuli – Italia 

Annata : 2021

 

Gradazione alcolica: 13% vol.

 

Varietà delle uve:  Pinot Bianco 100%

 

Tipologia: i vigneti si trovano nel comune di Prata  e crescono su suoli   argillosi, calcarei e ricchi di microelementi. Il clima è molto piovoso, ma l’influenza del mare e l’arieggiamento costante mitigano freddo e umidità, assicurando una buona maturazione delle uve in estate. L’allevamento è di tipo Guyot con una intensità di 4300 piante per ettaro.

Vinificazione: le uve sono raccolte nella prima decade si settembre e dopo una attenta selezione in vigna vengono trasferite in cantina dove vengono sottoposte a macerazione pre-fermentativa a freddo per 24-36 ore, dopo di che si passa ad una pressatura soffice, alla fermentazione alcolica
condotta a temperatura controllata e successiva maturazione sulle proprie fecce per alcuni mesi. Riposa in bottiglia ancora per un mese prima di essere messo in commercio.

Caratteristiche organolettiche :  Il colore è di un giallo paglierino carico con brillanti riflessi dorati. Il profumo è corposo e di gran carattere, con i sentori di nespola, ananas, pesca gialla e conturbanti note di spezie dolci. Al palato rivela un corpo vellutato, caldo, avvolgente
ed equilibrato con note agrumate, di viva sapidità e lunga persistenza.

 Temperatura di servizio: 9-11 °C

Conservazione : fino al 2025

Abbinamenti gastronomici:   Estremamente versatile; si sposa bene con gli antipasti magri e con pesci affumicati, ottimo con un rombo cotto al forno con patate e carciofi. Ma per chi vuole osare lo consiglio con roast beef di tonno.

(Mario Travagflini)

 

Articolo precedente
Articolo successivo
Nessun Commento

Inserisci un commento