HomeLa RivistaFINALMENTE DA ANTITRUST SANZIONE RECORD CHE PUNISCE STRAPOTERE DEI COLOSSI DEL WEB MULTA 1,12 MLD AD AMAZON

FINALMENTE DA ANTITRUST SANZIONE RECORD CHE PUNISCE STRAPOTERE DEI COLOSSI DEL WEB MULTA 1,12 MLD AD AMAZON

Consumatori/36

Consumatori 1

FINALMENTE DA ANTITRUST SANZIONE RECORD CHE PUNISCE STRAPOTERE DEI COLOSSI DEL WEB MULTA 1,12 MLD AD AMAZON

Finalmente dall’Antitrust arriva una multa record in grado di sanzionare efficacemente i grandi operatori che adottano comportamenti scorretti. Lo afferma il Codacons, commentando la sanzione da 1,12 miliardi di euro inflitta dall’Autorità ad Amazon per abuso di posizione dominante.
Ancora una volta l’Antitrust è costretta ad intervenire sui giganti dell’e-commerce evidenziando comportamenti che, se confermati i rilievi dell’Autorità, danneggiano non solo gli operatori commerciali, ma anche i consumatori – spiega il Codacons – L’abuso di posizione dominante sanzionato dall’Antitrust e le condizioni imposte da Amazon, infatti, si riflettono non solo sui servizi resi ai consumatori, ma anche sulla concorrenza tra operatori e, quindi, sui prezzi finali proposti al pubblico.
Per tale motivo il Codacons ritiene molto importante la sanzione record elevata dall’Antitrust, perché multe di questa entità possono realmente arrecare un danno ai giganti del web e mettere fine a violazioni e comportamenti scorretti. (Comunicato Stampa- Economia-9 dicembre 2021)

Consumatori 2

Fedez e Codacons uniti per le famiglie Lgbt+ e per la difesa dei diritti civili. 

Il famoso rapper dà il suio sostegno al calendario sociale 2022 “Dove c’è cuore c’è casa” realizzato dall’associazione e dedicato alle famiglie non tradizionali. 12 scatti che promuovono i diritti della comunità Lgbt+ e combattono le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere (https://www.instagram.com/p/CXJsKluM4q6/?utm_medium=share_sheet)

Consunatori 3

Dopo Les choses humaines, che tutti i giovani avvocati (e non) dovrebbero vedere per entrare nell’eterno dibattito sullo stupro e sul consenso (o meno) della ragazza coinvolta, chi studia il fenomeno degli influencer e dei social non può proprio perdersi Annette di Leo Carax – che ha vinto il premio a Cannes per la migliore regia.

Il film rappresenta la perfetta – e difficilissima da trasporre in immagini – storia di un narcisista patologico, un grande cantante che per non essere superato nel successo dalla moglie arriva al punto di ucciderla. Sempre lui, quando si accorge che quella che aveva creduto figlia, Annette, non è davvero figlia sua, ammazza anche il vero padre, ex-amante della moglie.

Ma non finisce qui: quando anche la figlia, un burattino sfruttato prima dalla mamma e poi dal padre per far soldi, sta per sopravanzarlo nel successo finisce per far sparire anche lei. E questa sparizione – che però la trasformerà da burattino in bambina, come fu già per Pinocchio – porterà alla nemesi della vita e dei buoni contro il masochista cattivo. La bambina infatti accuserà il padre di avere ucciso, e questi finirà in galera: da qui, inutilmente chiederà alla bambina di perdonarlo, perdono che lei negherà lasciando il carcere- dove era stata a visitare il padre-  per accogliere – finalmente – la piena libertà. Per il protagonista rimane la punizione più grande di tutte: non poter amare più nessuno – lui proprio uso tuffarsi in audaci mischie con mucchi di femmine da insaziabile narciso- ma soprattutto non poter essere amato da nessuno, la pena peggiore per un narcisista.

Come dicevo in apertura, il film – a parte una citazione improbabile e posticcia del movimento #metoo contro la violenza alle donne – fa trasparire ed emergere il terribile mondo dei social, dove a volte i bambini diventano burattini nelle sapienti mani dei loro genitori (affaristi senza scrupoli), e finiscono ad essere usati per fare profitto. Un fenomeno che abbiamo già denunciato e denunciamo da tempo, e che è diventato purtroppo attuale più che mai, nel completo silenzio dell’ente più statico (ed inutile) della storia d’Italia: l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Una bellissima e difficilissima vicenda che consiglio a tutti di vedere per anticipare l’esito di vicende simili ossia il trionfo del bene e della umanità piena e da rispettare di quei burattini e, forse, la morte o la disgrazia più nera dei burattinai. Come quelle dei vari influencer che pubblicano in continuazione foto dei figli, dal feto alla infanzia, tipo i Ferragnez o Wanda Nara: un bel giorno i loro innocenti e maltrattati pupetti arriveranno all’età della ragione e prenderanno possesso di sé, diventeranno pienamente esseri umani e non li perdoneranno: non più burattini di legno, impossibilitati a tutelare la propria immagine e la propria riservatezza.

Quel giorno saremo felici per la loro emancipazione, e festeggeremo questa ritrovata, inaspettata libertà. (6 Dicembre 2021- http://www.carlorienzi.it/quando-i-film-ci-insegnano-qualcosa/ )

Nessun Commento

Inserisci un commento