HomeLa RivistaFolklore e dialetti“GLI IGNAVI” di Vincenzo De Meis

“GLI IGNAVI” di Vincenzo De Meis

Abruzzesità poetica /82

 

Lo ricordiamo in tanti l’ingresso di Dante e Virgilio nell’Inferno, non abbiamo mai dimenticato la scritta che troneggia  sopra la porta, anzi ce la siamo ripetuta diverse volte accedendo in luoghi ove ci aspettava qualcosa di poco piacevole.

I dannati che bestemmiano, le manganellate e la curiosità di Dante che rimane, per me, l’essenza della vita. Senza curiosità non c’è vita, si vegeta nella ripetitività. Dante curioso, Virgilio saggio e, all’occorrenza, determinato.

Di gente senza infamia e senza lode ce n’è sempre stata e ce ne sarà,e non solo all’Inferno, “allu ’Mbierr”, come lo chiama, nel suo dialetto, il De Meis. E’ bello anche il suono di “nzenza”  per dire “senzae poi “nu futtije”: una calca e, più precisamente, un insieme di “futilità”. Alla fine c’è il botto: “O cedi o ti scazzotto”. E si salva la rima e l’effetto.

III LASCIATE OGNI SPERANZA –

GLI IGNAVI

di Vincenzo  De Meis

 Se mittene ’n camine e bielle bielle

arrivene allu ’Mbierr nghe ’na terata;

sopr’alla Porta è scritte a stampatieglie:

LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CH’ENTRATE.

Le biastéme se senden’a palate

nghe tante strille e “suon di man con elle”  

– Chi so’, chi so’ chest’àneme dannate

(facì Dande); ched’è quistu fraggielle? –

Lu puvéte d’Enea: “So’ ’na gram-massa

de ggenda nzenza ’nfamia e nzenza loda:

ner-ragiunéme de isse; huard’e ppasse!”

Vìdene nu futtije de fannullune

che ’m-piacirne a nesciun ’n-nesciune mode,

chine de vespe e chine de muscune.

Lu prime d’ì demuonie

Dice a Dande: “Nghe i legne de Caronde

tu che sì vive ’m-passe l’Acheronde!”

Vergilie, sembre pronde,

responne a-i viecchie de “lanose gote”:

“Vuolsi così colà dove si puote

ciò che si vuole. O cedi o ti scazzotto.”

E Caronte ubbedì nzenza fa’ “motto”.

GLI   IGNAVI

Si mettono in cammino e, belli belli,

arrivano all’Inferno con una tirata;

sulla porta è scritto in stampatello:

LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CHE ENTRATE.

Di bestemmie se ne sentono a palate

con tanti strilli e suon di manganelli. 

– Chi sono, chi sono queste anime dannate

(fece Dante); cosè questo flaggello? –

Il poeta (cantore) di Enea: “Sono una gran massa

di gente senza infamia e senza lode:

non parliamo di loro; guarda e passa!

Vedono una moltitudine di fannulloni

che non piacquero a nessuno e in nessun modo,

pieni di vespe e pieni di mosconi.

Il primo dei demoni

dice a Dante:Sul legno di Caronte

tu che sei vivente non passerai l’Acheronte!”

Virgilio, sempre pronto,

risponde al vecchio dalle “lanose gote:

Vuolsi così cola dove si puote

ciò che si vuole. O cedi o ti scazzotto.”

E Caronte ubbidì senza faremotto

 

Nessun Commento

Inserisci un commento