HomeLa RivistaFolklore e dialetti”L’UTIMA CANTATE”

”L’UTIMA CANTATE”

 
ABRUZZESITA’ POETICA / 78

”L’UTIMA CANTATE”

                                                                                                            di Attilio Micozzi 

Canta che ti passa!” Ce lo siamo detto, e ce lo ripetiamo, ogni volta che qualcosa non ci cala, non va giù senza problemi. A dire il vero oggi dovremmo davvero fare concerti senza soste per quante cose ci sono che non vanno. Ma tanto, che tu ti lamenti, chi ti consola? Chi ti sente?

Però cantare fa bene, apre all’ottimismo, alla fiducia in sé e nel prossimo, ridà un po’ di vigore, un po’ di colore ai momenti grigi del nostro vivere  o tirare a campare quotidiano.

Com’era bello passare per i vicoli di buon mattino e sentirsi toccati e contagiati dal canto, improvvisato, di chi si stava insaponandosi il viso per poi raderselo.

La medicina più naturale che ci rende davvero partecipi del creato e ci accompagna nei momenti più significativi della vita è il canto. E non importa se intonato o stonato, se in lingua o in dialetto; il bello è cantare!

I primi sogni, non dimentichiamolo, li abbiamo fatti accompagnati dalla colonna sonora canticchiata dalla mamma e dalla nonna, da ninne nanne  che prendevano in prestito melodie popolari per addossarcisopra testi improvvisati sul momento.

Attilio MICOZZI, poeta nativo di Filetto (CH) (1919-1989) non ha remore nell’elogio del “cantare”, modalità espressiva non appartenente solo agli umani e che trova la massima valenza quando ha a che fare con l’amore.

Quando le voci si uniscono in “coro” anche gli animi beneficiano di un affiatamento corale e di una intonazione che lasciano senza fiato e commuovono. E’ allora che la voce del “coro” si fa davvero sintesi del sentire, del volere e dell’amare di più cuori, si “coralità”. 

L’UTIMA CANTATE    di Attilio MICOZZI

 

E’ belle lu cantà: quande si cante

vol dire che lu core sta cuntente.

Di’ ce l’ha date appositivamente

pe’ purtà gioie e pe’ scaccià lu piante.

 

Pure li piante cante se lu vente

je tocche chela parta palpitante.

Quande la barca va, tutt’è nu cante

e tutte corre e corre allegramente.

 

Vulesse fa cantà tutte lu monne

e starce ancore dentre “mbaricate”

Ma na ciuvette mi va tonne tonne

 

e l’àutra notte quase m’ha parlate

e m’ha fatte capì, tra vejje e sonne,

ca queste forse è l’ùtima cantane.

 

L’ULTIMA CANTATA

 

Cantare è bello: quando si canta

vuol dire che il cuore è contento.

Dio ce l’ha dato di proposito

per portare gioia e per scacciare il pianto.

 

Anche le piante cantano se il vento

le tocca in quella parte palpitante.

Quando la barca va, è tutto un canto

e tutto va e va con allegria.

 

Vorrei far cantare tutto il mondo

e starci ancora dentro (al mondo) barricato.

Ma una civetta mi va girando intorno

 

e l’altra sera quasi mi ha parlato

e mi ha fatto capire, tra veglia e sonno,

che forse questa è l’ultima cantata.

(Enea Di Ianni)

 

Nessun Commento

Inserisci un commento