HomeLa RivistaFolklore e dialetti“QUANN’EVE BIELLE”

“QUANN’EVE BIELLE”

Abruzzesità / 75

 “QUANN’EVE BIELLE”

         di Maria Pia Palesse

Era più bello ieri o oggi? Si stava meglio quando si stava peggio? E’ solo e sempre soltanto nostalgia?

La magia delle cose belle, della semplicità di vita, non la si coglie mentre la si vive anche perché, presi dal vivere, non c’è tempo per riflettere. Si coglie poi, quando l’esperienza ci pone di fronte termini di confronto, modelli esistenziali differenti, stili comportamentali contrapposti. Allora accade una sorta di “rew-review”, un tornare indietro per poter “rivederci” ieri o ieri l’altro e tornare a cogliere immagini e particolari che hanno la straordinaria capacità di restituirci delle emozioni davvero forti.

Noi siamo andati avanti nella vita, abbiamo modificato comportamenti, cambiato compagnie, luoghi e affetti eppure non siamo riusciti a cancellare certe emozioni, taluni affetti che, quando tornano alla mente, ci toccano profondamente il cuore forse più di ieri, più di quando erano tutt’uno con noi stessi.

Maria Pia Palesse, 2° classificata al Concorso di poesia “Gina Colangelo” svoltosi il 10 agosto 2022 a Castelvecchio Subequo (AQ) e incentrato sul tema “La famiglia”, coi suoi versi in dialetto “sulmontino” (come li definisce lei) ci tocca e innamora non tanto per le privazioni vissute in una stagione non facile, quanto, invece, per l’immagine di quella casa lì, in un vicoletto anonimo, che all’interno ha troppo poco, quasi niente,  per una bambina, ma fuori, sul balcone, si colora di fiori che sanno di speranza e odorano di primavera in arrivo. Primavera e speranza: il segreto di ogni vita che non s’adagia, non si adatta, non rinuncia.

 QUANNE EVE BIELLE             

                                                                                   di Maria Pia Palesse

Quanne ca s’ève bielle

quann’ève na uajone,

la case a la ruélle

nghe i fiure a lu balcone.

 

Savàme tre n-famije

je, mamme e mammaròsse

e nisciunàutre fije

ca tate s’ève muorte.

 

De mmièrne ce auzavàme

a la matina prieste,

je pe la scole e l’àutre

pe fa’ tutte le rieste.

 

Le fridde ce arijelève

nghe suole nu  vracière

che puoche ce arscallèeve

ma pure nghe piacère.

 

E juste all’ambruni’,

stute lu scallaliétte,

ce nsaccavàme auniìe

tutte a lu stesse liétte.

 

Però je m’assettève

pujàte a la lettiére

ca pure studià adève

prime de la prejère.

 

E mamme m’allucchève:

Smurze sa lampadìne

ca la bullétte corre

e je n’ m’addòrme apprime!

 

S’ève tiempe de huérre,

de fame e de mesèrie,

ma vuluntà de fièrre

e senza cattevèrie.

 

Quanne ca s’ève bielle

quann’ève na uajòne,

la case a la ruélle

e i fiure a lu balcone!

 

                        COM’ERA BELLO

 

Com’era tutto bello

quand’ero ragazzina,

la casa al vicoletto

coi fiori al balconcino.

 

In tutto, tre in famiglia

io, mamma e la mia nonna

e nessun altro figlio

perché papà era morto.

 

D’inverno ci alzavamo

la mattina presto,

io per la scuola e le altre

per fare tutto il resto.

 

Il freddo raggelava

solo con un braciere

che poco ci scaldava

ma pure con piacere.

 

E già dall’imbrunire,

spento lo scaldaletto,

ci infilavamo leste,

tutte dentro un sol letto.

 

Però io mi sedevo

di schiena alla lettiera

perché studiar dovevo

prima della preghiera.

 

E mamma mi gridava:

Spegni la lampadina,

perché la bolletta aumenta

e io non mi addormento prima!”

 

Era tempo di guerra,

di fame e di miserie,

ma volontà di ferro

e senza cattiverie.

 

Com’era tutto bello

quand’ero ragazzina,

la casa al vicoletto

e i fiori al balconcino.

Nessun Commento

Inserisci un commento