Abruzzesità / 74

  “LA FAMIGLIE”

di Enea Di Ianni

 

Sulla nostra rivista siamo abituati a leggere le introduzioni che   Enea Di Ianni dedica alle poesie scelte per la Rubrica Abruzzesità  poetica che settimanalmente ci regalano sensazioni e sentimenti sempre nuovi.  Questa volta tocca a noi presentare la poesia di turno perché si tratta della prima classificata al  XXI Concorso di poesia dialettale abruzzese “Gina Colangelo” di Castelvecchio Subequo (AQ), la poesia  “La Famiglie”  scritta proprio da Enea Di Ianni nel dialetto di Villalago.

La famiglia, lo si deduce dal titolo ,è il tema centrale del componimento che nei versi di esordio sottolinea     lo stato d’animo del giovane che  attraversa il momento critico della difficile scelta della ragazza da corteggiare, ma che già sente ardere dentro di sé la fiammella dell’amore, che sotto la pressione di parenti e amici  può svilupparsi fino a produrre quel prurito  che fa rima con marito. E cosi nei versi successivi si sviluppano le varie fasi  che portano alla costruzione della famiglia. Spicca tra queste quella in cui marito e moglie diventano mamma e papà grazie alla nascita di quel primo figlio che sarà causa e piacere  per le nottI in bianco piene di preoccupazioni e per il ritorno alla normalità quando finalmente.. “te pù stenne” .il piccolo/la piccola, fa “nascere” nuovi  nonni, nonne e commari con annessi e connessi. Riparte il ciclo in cui sarà sempre ardente  la brace della famiglia. (PLP)

L A   F A M I G L I E                    di Enea Di Ianni

  – Quatrà, te la vu’ fa’, tu, ’na famiglie?

  ’Na moglie tè’, ’na case, tante figlie? –

  ’Mmà ’na canzone, éve ’ste ritornèlle

  che te runzéve ’n cape i le cervèlle, 

a furia de sentìrele, a puòche a puòche,

jettévane benzìna a quile fuoche

che, ’n piette, già brucéve, chiàne chiàne,

nghe le j’ arrète a du’ o tre quatràne. 

Eve l’amore: –Le pùvece alla recchia… -,

’mmà me decéva sempre nonna vecchia,

’na vote ’ntràte, te dà ne prurìte…!?!

T’ha dà spusà, ’e a  deventà  marite ! – 

Ecchè: marite i moglie! … Apù ’na figlie

i tutt’attuorne già ’ne parapìglie

nghe i periénte stritte i la cummàre

che ce deve da fa’ tra “simbre i pare”.

 

                        Le prima notte ’n bianche, la paùre

pe’ quela figlia sòle, ’n quile scure

che chiane, a puòche a puòche, jéve schiarènne.

La cìtela sta mieglie… Te pu’ stènne…! – 

Le prime pazziarèlle, i prime diénde…!

Cresce la parlandìne, i sendemiénde,

i già la mamma accàtta biancarìa:

Pe’ la dòveta … -, dice, – Via via…! – 

La scòle… po’ la prima cummeniòne.

Vola le tiempe i cresce la ’uagliòne.

Tu la remìre i piénze: – Ma po’ èsse

ch’è deventàta grosse? Pe’ mì è la stésse 

de quande pazziavàme a ’nnascunnìlle,

de quande desegnéva i pupazzìlle…

la stessa che, a Natàle, ce ’mpegnéve

a fa’ la letterina e j’ la leggéve !- 

La voce, forte i chiare, tremelènde

ce facève,  pure cummovènde

pe’ quéle che leggéve: “Fa’ campà ’ssà’

Gesù, tatòne i nònne, màmmema i papà ! 

Làcreme, abbràcce forte, core a core,

dévene la mesùra de n’amòre

che nasce i sboccia, che nen mòre

se te le puòrte apprièsse ’mmà ’ne fiore. 

’Ne fiore che po’ cresce a le desèrte,

tra gente sempleciòtte o gente ’sperte,

’ne fiore che nen serve a n’ “occasione ”,

ma tutt’ i juòrne perché è ’na passiòne 

che se, pe’ nasce, po’ bastà ’ne basce,

a tenérela vive i ardènte, ’mmà la vràsce,

nen serve  a esse’ mamma, patre o figlie.

No!  …S’ ha da èsse, ’nziéme, ’na famìglie!?!

LA FAMIGLIA.  

Giovane, te la vuoi fare, tu, una famiglia?

Una moglie tua, una casa, tanti figli? –

Come una canzone, era questo il ritornello

che ti ronzava in testa e il cervello,

 

a furia di sentirlo, poco a poco,

gettava benzina sul quel fuoco

che, nel petto, già ardeva, piano piano,

col correre dietro a due o tre fanciulle.

 

Era l’amore: – La pulce all’orecchio…-

come  ripeteva sempre la mia bisnonna,

una volta entrata, ti dà un prurito… !

Ti devi sposare, devi diventar marito !  –

 

Eccoci (qua): marito e moglie!?! …Poi una figlia

e tutt’intorno già un parapiglia

tra i parenti stretti e la comare

che si dava da fare tra “sembra e pare”.

 

Le prime notti in bianco, la paura

per quella figlia sola, con quell’oscurità

che, poco a poco, lentamente, si andava schiarendo.

La bimba sta meglio… puoi andare a riposare…! –

 

I primi giocattoli, i primi denti…!

Cresce la parlantina, i sentimenti,

e già la mamma compra biancheria:

Per la dote…-, dice, – Un poco alla volta…! –

 

 

La scuola… poi la prima comunione.

Il tempo vola e cresce la ragazza.

Rimirandola,  penso: – Ma può essere

che è diventata grande? – Per me è la stessa

 

di quando giocavamo a nascondino,

di quando disegnava bamboccetti,

la stessa che, a Natale, si impegnava

a scrivere la letterina ed io la leggevo.

 

La voce, forte e chiara, tremante

si faceva, anche commovente

per quello che andava leggendo: “Fai vivere a lungo,

Gesù, nonno e nonna, mamma e papà !”

 

Lacrime, forti abbracci, cuore a cuore,

davano la misura di un amore

che nasce e sboccia, che non muore

se te lo porti appresso come un fiore.

 

Un fiore che può nascere nel deserto,

tra gente semplice o gente colta,

un fiore che non serve per le  “occasioni”,

ma tutti i giorni perché è una passione

 

che se, per nascere, può bastare un bacio,

per tenerla viva e ardente, come la brace,

non serve (solo) essere mamma, padre o figli.

No! …Bisogna essere, insieme, una famiglia!?!

 

Nelle foto i primi tre classificati: a destra (per chi guarda) il vincitore Enea Di Ianni, al centro il 3° classificato Flavio Tursini, dialetto di Paganica, a sinistra Maria Pia Palesse, dialetto di Sulmona

 

 

Nessun Commento

Inserisci un commento