HomeLa RivistaFolklore e dialetti” NU PAHESE FATTE A MODE ME’ ” DI ANNA BASTI

” NU PAHESE FATTE A MODE ME’ ” DI ANNA BASTI

Abruzzesità Poetica / 72

 Nu pahèse fatte a mode mé ”   

di  Anna Basti 

Piace più o meno a tanti, se non a tutti, poter evadere dal reale per ritrovarsi, almeno con l’immaginazione, in un posto speciale, tutto proprio, quasi specchio di un’ immaginario che ci fa stare sempre davvero bene. Non è un’isola che non c’è, o forse sì, ma non è fuori di noi.

E’ in noi, dentro di noi e, oltre a permettere di ritemprarci nei momenti di sconforto o di particolare malinconia, ha il pregio di farsi trovare esattamente come desideriamo trovarla: linda nell’aspetto, luminosa, con tanto di sole che non tramonta e un’atmosfera di sana allegria.  Sempre!

Gli usci ci accolgono a porte spalancate, l’ospitalità non ha limiti; strade e i vicoli risuonano di canti e si popolano di volti sorridenti.

Un angolo tutto amore, dove l’odio non trova spazio e neppure le rivalità allignano.

Anna BASTI, poetessa ortonese e insegnante elementare dedita, per la sua specializzazione, alla cura educativa di alunni disabili psicofisici, nel 1995 pubblica, per i caratteri delle Arti Grafiche De Luca di Ortona (CH), “ ’Na serenèta longhe”, una raccolta di poesie in dialetto e in lingua.

Tra esse trova spazio “ ’Nu pahèse fatte a mmòde mé ”, un luogo ideale in cui ama rifugiarsi in certi momenti per ritrovarsi a tu per tu con se stessa, con Anna, e, per un poco, lasciarsi andare al tepore di un sogno che sa carezzarti, quasi massaggiarti e ridarti apparente vigore.

Il dialetto è quello ortonese.

 

Nu pahèse fatte a mmòde mé

di Anna Basti

 

Quande de sòle me vuòjje arvisti’

me ne vajje lundène,

a ’nu pahése fatte a mmòde mé’,

che nisciune sè andò stè;

’nu pizze de mònne ’mbastète

d’aria fine e acqua pulite,

de celéste siémbre arvistite

e nghe lu sòle che nen chèle mé.

’Nu pahése andò l’òdie nn’allégne

e ’nu surrise hè siémbre dòne d’amòre.

A hèlle, tra prufume de ròse e de viòle,

ji tròve pòrte sièmbre apèrte

e camine sènza pahure,

camine tra surrise e cande.

Tutte quéste tené’ pe’ la mènde

quande, de bbòtte,

’nu remòre me fè jundè’

e lu pahése fatte a mmòde mé’

fè la fine de ’nu spiécchie ròtte:

tande pizzitte de grittie

splijète pe’ ’n-dèrre!

 

             “Un paese fatto a modo mio”

 

                   Quando voglio rivestirmi di sole

                    me ne vado lontano,

in un paese fatto a modo mio,

che nessuno sa dove sta:

un angolo di mondo impastato

d’aria fine e acqua pulita,

di celeste sempre ricoperto

e con il sole che non tramonta mai.

Un paese dove non cresce l’odio

e un sorriso è sempre un dono d’amore.

Là, tra profumi di rose e di viole,

io trovo le porte sempre aperte

e cammino senza paura,

cammino tra sorrisi e canti.

Tutto questo avevo in mente

quando, all’improvviso,

un rumore mi fa trasalire

e il paese fatto a modo mio

fa la fine di uno specchio rotto:

tanti pezzetti di vetro

sparpagliati per terra!

 

Nessun Commento

Inserisci un commento