”LUCECAPPELLE” 

ABRUZZESITA’ POETICA / 68 

”LUCECAPPELLE” 

                          di Francesco Jafolla

Vorrei poter mostrare delle lucciole ai bimbi d’oggi, farli confondere tra esse per regalargli l’impressione di trovarsi fra stelline, piccole e tenere, come i loro animi. Non è facile, oggi. Una volta, d’estate, le incrociavamo nei vicoli dei paesi, tante ce n’erano e tanto si fidavano dei bimbi di allora. Cantavamo in coro, incrociandole, una specie di invito per averle accanto, più da vicino: “Lucciola, lucciola vien da me, ti darò il pan del Re, il pan del Re e della Regina, lucciola lucciola viemmi vicina!” Si avvicinavano così tanto che sembrava avessero inteso il senso del nostro canto.

Oggi scarseggiano. La causa? Sicuramente più di una. 

Il grano, nei nostri paesi di montagna, s’è finito di seminarlo, mieterlo e trebbiarlo. “Non ne vale la pena…”, dicono in molti. 

A me piace pensare che tante case vuote più non lanciano all’aria quegli odori di un tempo, odori di cucina, di sudore, di festosità che, forse, le lucciole gradivano e ricercavano. Siamo diventati troppo seriori e poi, oggi, anche i bimbi scarseggiano e le lucciole amano essere guardate e apprezzate proprio come fa Francesco Jafolla, già noto in queste pagine, che le ha rivissute come, nella sua infanzia, le aveva viste e riviste  tra Sulmona e Villalago.

LUCECAPPELLE.      

 di  Francesco Jafolla

Quande d’aùste ’uarde la cambàgne

la vide pendecchiàte de lucélle,

nu munne che s’allùme e che se cagne,

’rrenghìrse de ’ste luce peccerélle.

Una s’appìcce, n’atra se rammòre,

vùlene pe’ la notte a ciende, a mille,

tutte pe’ l’aria, senza fa’ rumòre,

miezza a lu cande de lu cucù e ’rille.

Vùlene perché tiénne ore cundàte

e quander spunde, nasce n’atre juorne,

forze pe’ sembre una s’è smurzàte

ma l’atre se rappìccene p’attuòrne.

Puoche cambe, cara lucecappélle,

ma lustre fa’ la sere dell’estàte,

e pure se ’n te vande d’esse’ stelle,

la notte, tu, cchiù bella sci pettàte.

LUCCIOLA

Quando d’agosto guardi la campagna

la vedi trapuntata di piccole luci,

un mondo che s’illumina e si cambia

riempendosi di queste piccole faville.

Una si accende, un’altra si spegne,

volano nella notte a cento, a mille,

tutte per aria, senza far rumore,

tra il canto di cucù e grilli.

Volano perché hanno le ore contate

e quando spunta, nasce un altro giorno,

forse qualcuna si è spenta per sempre

ma le altre si riaccendono tutt’intorno.

Vivi poco, cara la mia lucciola,

ma illumini la sera d’estate,

e anche se non ti vanti d’essere una stella,

tu, la notte, l’hai dipinta  più bella.

Nessun Commento

Inserisci un commento