Abruzzesità poetica. 67/

LA  MERLA 

di Walter Cianciusi

Apriamo le finestre alla luna, alla sera, alla notte che rinfresca  cose e case, tranquillizza gli ansiosi, incoraggia i timorosi e poi… Poi quei concerti di versi,  di suoni e calpestii notturni non solo di chi calca strade battute, ma anche di chi ne tenta di nuove, dimentico del detto “Chi làssa la via vecchia pe’ la gnòve / sa quele che lassa i no quele che trove!”

C’è sempre, nella vita, chi tenta e prova a darci consigli. A fin di bene, dicono tutti; ma quei tutti lo sanno qual è per noi il bene? E se fosse proprio il perderci nel buio, unire i nostri respiri al suono delle tante voci notturne, confonderci con esse per poi riemergere, anche soli, con una luce nuova, quella di un altro mattino?

Con “La Merla  il poeta Walter Cianciusi ci propone versi garbati e sottili, in un gioco tra il dire, non dire e contraddire. E’ il gioco della vita, dell’amore, della libertà, della felicità che non si lasciano imbrigliare e che, solo alla fine, si svela nell’ambiguità di una “merla” che dà e promette a destra e a manca, affascinando tutti ed è libera sempre. Padrona di se stessa.

LA  MERLA     

di  Walter  CIANCIUSI

Tenghe na mérla che va pe lle fratte

e fischia e canta fin’a mèsanotte;

tante le vòte te cci atisse ammatte,

làssala pèrde e mànnala a ffa fòtte.

Se cce va’ apprésse e ci issa chemmatte

remane stise e che le cosse rotte;

pe quante e cquante prédeche so fatte,

acite e ffèle m’ha atteccate a gnòtte.

Tutte le vòte che ce vò fa bbrutte

la mèrla ze lla fila ’n cima a i titte

e te refréca che ne ddò de pétte,

ma la canzona sé la duna a tutte

e ji’ l’attécchie che lle récchie ritte

e sènt’a cchi la dà a cchi l’appremétte.’

LA  MERLA

Tengo una merla che va per le fratte

e fischia e canta fino a mezzanotte;

se tu per caso dovessi incontrarla,

lasciala andare a farsi benedire.

Se le vai dietro e dovessi trattarla,

resti disteso e con le gambe rotte;

nonostante i consigli che le detti,

aceto e fiele ho dovuto ingoiare.

Ogni volta che vuoi farle un rimbrotto

la merla se ne vola sopra ai tetti

e ti burla cacciando un do di petto,

ma la canzone sua la canta a tutti

ed io l’ascolto con le orecchie dritte

e sento a chi la dà, a chi la promette.

( E. Di Ianni)

Articolo precedente
Articolo successivo
Nessun Commento

Inserisci un commento