HomeLa RivistaFolklore e dialettiJU SPLENDORE D’ESTATE  

JU SPLENDORE D’ESTATE  

Abruzzesità  /  66

JU SPLENDORE D’ESTATE  

di Evandro Ricci

Lo splendore dell’estate è innegabile, è uno splendore che affascina e tocca un po’ tutti, grandi e piccini, giovani e meno giovani, ricchi e poveri. 

Lo si coglie nell’aria, nel sole, nel mare, nei campi di grano mietuto, nel cielo stellato, nell’alito fresco di un vento che aggrada, nelle note notturne di canti dispersi che sanno d’ amore e timore, senz’altro di dolce passione che tocca un po’ tutti. Poi, mentre  commuove,  si scioglie in una lacrima mal trattenuta, in una stretta più prolungata di mani che sanno di carezze godute e rubate,  trattenute tutte con quel  sapore agrodolce caratteristico di novelli e rinnovati sensi amorosi.

Il poeta Evandro RICCI, che ha trovato già spazio all’interno di questa rubrica, è un attento silenzioso osservatore – o degustatore?- di tutto ciò che intorno a noi vive e ci tocca, di ciò che a volte ci lascia indifferenti perché frettolosi o solo non avvezzi ad assaporare, gratuitamente, ciò che la natura e la vita ci pongono, instancabilmente, sott’occhi.  Il componimento scelto è inserito nel volume “Tra ju dùbbie i ju timbe”, edito da Qualevita (Torre dei Nolfi – Bugnara -) 2019.

JU SPLENDORE D’ESTATE

                                                                                                                                          di Evandro Ricci

Ju splendòre d’estate

è nu mare de fèsta

le giuvenèzza n-fiure,

ònda d’ure de grane,

circhie de sòle gialle,

vacanze de pazzìje,

basce i vràscia d’amore.

A ju cuscine ride

la nòtte de le stélle

i ju vinde accumbagna

le canzòne nfiacchite

da lu calle de vène.

S’àuza cumma aldare

na canzòna cummòssa

tra na luce chiù bianga:

viulènzia de sùlenzie

de la felicetà

n-cima a j’ùocchie mbusse,

a le mène aunite

nnènze a tanda armunì.

 

Lo splendore dell’estate

è l’oro del cielo,

è un mare di festa

di giovinezza in fiore,

onda d’oro di grano,

cerchio di sole giallo, 

vacanze di pazzie,

bacio e brace d’amore.

Sul guanciale ride

la notte delle stelle

e il vento accompagna

le canzoni infiacchite

dal caldo di vene. 

Si alza come altare

una canzone commossa

in una luce più bianca:

violenza di silenzio

della felicità

sugli occhi bagnati, 

nelle mani unite

dinanzi a tanta armonia.

Nessun Commento

Inserisci un commento