HomeLa RivistaFolklore e dialetti“CHEST’ ARIE MANDEMANE… “

“CHEST’ ARIE MANDEMANE… “

Abruzzesità poetica /. 62

CHEST’ ARIE MANDEMANE… “

di Giuseppe Antonelli

Quante primavere? No, non intendo dire l’età, gli anni da contare. Voglio dire proprio che di primavere ce ne sono tante, soprattutto in poesia, e ognuna di esse è diversa, si distingue per “dove” lo sguardo si posa e per “come” sa essere ardita nel carezzarti il cuore. Può esserci la Primavera attesa, quella sperata, quella vissuta di striscio, appena sfiorata, quella solo sognata o magari sciupata. Anche quella scordata, sì, stranamente dimenticata.

Sarebbe bello poterla descrivere durante l’attesa, quando non c’è ancora fuori, nell’aria, ma vive nel desiderio di ciascuno. E poi dovremmo tornare a narrarcela, a rifletterla dopo ch’è trascorsa, quando il cuore riesce a soppesarla e il pensiero vorrebbe rincorrerla per scandagliarla meglio.

La “Primavera”, comunque la si inquadri, ha le sembianze, i profumi e i sapori del sabato del villaggio, di tanti sabato anche nostri… Ha il bello dell’attesa, dell’immaginare, dello sperare, dell’esitare, del sognare e amare.

Poi, quando la si vive, è impossibile rifletterla: ci sguscia di mano, non si tiene. Qualche volta è la bravura del poeta che opera il miracolo: la immortala operando dei fermo-immagine così delicati, così azzeccati e li anima col suo respiro, col suo calore, col suo amore, anche con la sua ingenuità, e ce la dona senza gelosie, senza avarizia alcuna, proprio come fa il nostro Giuseppe Antonelli.

Lui la Primavera la capta nell’aria, l’aspira e l’inspira, se ne bea, l’assapora e poi, boccheggiando, ce ne fa dono perché anche noi possiamo beneficiarne un poco. Il contagio è immediato, l’effetto lo scoprirete leggendola in penombra, col cuore aperto a sogni e ricordi.

                                                                         “CHEST’ARIA, MANDEMANE, TE’ NA COSE…”

                                                                                                                    di Giuseppe Antonelli

Chest’arie, mandemane, tè’ na cose

che nen teneve chiù da mise arrete:

è morbide, liggiri gni la sete,

villute prufumate di na rose.

Lu sole, bardascelle ancore, pose

carezze tra la ierve; e chi v’appede,

nu fiore bianche o gialle tra le dete,

s’armire la campagne gni na spose.

Na giostre di culure, a scena mute,

addobbe la nature che fermente

e cove, a parta dentre, la semente.

La bella primavera a riminute

E ride cile e terre, fiure e fronne.

E’ feste, festa ranne pe lu munne!

OGGI QUEST’ARIA HA QUALCOSA…

L’aria, stamattina, ha qualcosa

che non aveva più ormai da mesi:

è morbida, leggera come seta,

velluto profumato di una rosa.

Il sole, ancor bambino, va posando

carezze tra l’erba e chi va a piedi,

con un fiore bianco o giallo tra le dita,

rimira la campagna come (si rimira) una sposa.

Una giostra di colori, a scena muta,

addobba la natura che è in fermento

e cova, nel suo intimo, la semenza.

E’ tornata la bella primavera

e sorridono cielo e terra, fiori e foglie.

E’ festa, festa grande in tutto il mondo!

Articolo precedente
Articolo successivo
Nessun Commento

Inserisci un commento