A TE, MAESTRO

ABRUZZESITA’ POETICA / 58 

 A TE, MAESTRO

Tra poco, a malapena forse un mese, un altr’ anno chiuderà le porte, quelle delle scuole, e lascerà in silenzio tante stanze.

Finisce un anno ch’è trascorso strano, singhiozzando tra le incertezze di una pandemia che ha tolto tanta forza a quel vociare, allegro, di bambini. Verranno finalmente le vacanze e, nel commiato, ancora ci sarà un po’ d’ allegria. Che gioia quei ragazzi… son felici! 

Felici per l’estate che li attende, per le giornate al sole, al mare, oppure  su, in montagna; felici per la vita che s’avanza e già li rende, giorno dopo giorno, un po’ più grandi.

Anche i maestri si riposeranno. Ne han bisogno checché ne dica chi non li conosce. Qualcuno, raccogliendo le sue cose, raccoglie cinque anni di cammino, cammino fatto insieme proprio a loro  che ormai corrono via, verso l’estate. Non li vedrà tornare, e lui lo sa: sono cresciuti, andranno all’altra scuola e cresceranno ancora. 

Madonna come son volati gli anni…! Cinque anni , veloci, come un soffio! Eppure son cinque!i… Un lustro!?!  E se ne va con lui il suono di giornate pien di vita… Tace il sorriso della fanciullezza e lascia, per compagno alla tristezza, quell’ultimo saluto alla lavagna: 

A te, maestro, tutto il nostro affetto!” 

A tutti i Maestri e le Maestre il nostro “grazie” con i versi di Aldo Aimola.

 

A TE MAESTRO

di Aldo Aimola

Tra ddu mazze de rose, nu pacchette,

e sutt’a nu nastrine’nche na nocche,

na scritte: “A te, maestro, con affetto”.

Le mane l’arevòte e gna le tocche

nu trèmete cumùneche a lu core.

Già séme a giugne! Tutte la campagne

se ’nfoche e lentamente se fa d’ore

addò lu jurne appicce la sulagne.

E’ tempe de lassà ste quattre mure

e de scì fore, ’ncuntr’a lu distine.

Tre citilucce biunde e nove scure

s’à fatte grusse proprie stamatine.

Lu tempe de l’addije! Già cinqu’anne?

Tra le surrìse na malincunije

che strozze le parole juste ’nganne

e ’mbunne l’ùcchje. “A’ state na muschìje

ch’à ’ntrate a la fenestre. Su, chiudéte,

ca jì su delecate a ecche… ’mpette”.

Intante m’accarezze ’nche le déte

na scritte:A te, maestro, con affetto”.

 

A TE MAESTRO

Un pacchetto, tra due mazzi di rose,

e, sotto ad un bel nastro con il fiocco,

la scritta:A te, maestro, con affetto”.

Le mani lo rigirano ed, al tocco,

un tremito trasmettono al cuore.

Siamo già a giugno! Tutta la campagna

s’infoca e lentamente si fa d’oro

la parte solatia che il sole accende.

E’ tempo di lasciare queste mura

ed uscire all’incontro col destino.

Tre scolaretti biondi e nove scuri

proprio stamane si son fatti grandi.

E’ il tempo dell’addio! Già cinqu’anni?

E, tra i sorrisi, una malinconia

che blocca proprio in gola le parole

e inumidisce l’occhio. “E’ un moscerino

entrato alla finestra. Su, chiudete,

perché son delicato qui… nel petto”.

Intanto con le dita io accarezzo

a scritta: “A te, maestro, con affetto”.

(E. Di Ianni)

Nessun Commento

Inserisci un commento