HomeLa RivistaFolklore e dialetti8 MAGGIO, FESTA DELLA MAMMA

8 MAGGIO, FESTA DELLA MAMMA

Abruzzesità / 57

Domenica 8 Maggio, festa della “Mamma”, di tutte le mamme, vicine e lontane, presenti ed assenti, di qualunque età, ceto e condizione.

Una mamma è come un albero grande

che tutti i suoi frutti ti dà:

per quanti gliene domandi,

sempre uno ne troverà…

Mai dimenticati questi stupendi versi di Francesco Pastonchi, versi appresi, a memoria, a scuola, nelle elementari di una volta. Allora si diceva anche che di mamma ce ne fosse una sola e non era una falsità, semmai alla”mamma” poteva, in alcuni casi, aggiungersi la “mamma di latte”, la donna più o meno coetanea di nostra madre che, pure lei mamma da poco, avrebbe potuto “attaccarci suo seno” e allattarci in caso di mancanza di latte da parte della nostra genitrice.

Non accadeva sempre, ma poteva accadere più di una volta. Tempi poveri, gente semplice, cuore grande!

I tempi “nuovi” hanno aperto la società alle “adozioni”, altro stupendo dono che ha permesso a tante coppie di vivere la genitorialità adottando bimbi e bimbe, ragazzi e ragazze e a tanti di questi di poter godere delle cure, delle attenzioni e del calore di una famiglia.

E’ capitato, così, e succede nel nostro tempo che diversi bimbi e bimbe, ragazzi e ragazze, si ritrovino a vivere lo “status” di doppia figliolanza: la presenza, cioè, contemporanea, nella realtà, di due madri: quella naturale e quella adottiva .

Qualche anno fa, per l’esattezza nel maggio 2019, ho provato a fermare, in versi dialettali, una riflessione in merito. Oggi la propongo all’attenzione delle nostre lettrici e dei nostri lettori non senza aver, prima, gridato col cuore:

“Auguri mamme e grazie per esserci sempre state!?!”

Ddu’ mamme                       

di Enea Di Ianni

Ddu’ fémmene frestère, schenesciùte,

che maje ce so’ ’ncuntràte, maje vedùte;

ddu’ fémmene, ddu’ vite i n’esistènze,

la mé’, ch’a l’une i a l’atre pènze,

a quéla che m’ha date le refiàte

i a quéla che me cura i m’ha ’llevate.

Ddu’ stelle: un’è le sole che me scalle,

l’àtra è ne penziére che trabbàlle

tra voglia de smandà’ cierte radìce

i la paùra de n’èsse cchiù felice.

Ddu’ fémmene, ddu’ mamme… Ma po’ èsse?

Natùre i adozziòne so’ le stèsse?

I ji’, chi so’? Le frutte de che piante?

De una malamènte o de ’na sante?

M’arrìve ’na vucétte da lu core:

Tu si’, secùre, figlia de l’amòre:

l’amòre de chi t’ha misse a le munne

i quile de chi ’n t’ha mannàte a funne!

Due mamme

Due donne forestiere, sconosciute,

che mai si sono incontrate, mai si son viste,

due donne, due vite e un’esistenza,

la mia, che all’una e all’altra pensa,

a quella che mi ha dato il respiro

e a quella che mi cura e mi ha allevata.

Due stelle: una è il sole che mi scalda,

l’altra un pensiero che vacilla

tra voglia di scoprire certe radici

e la paura di non essere più felice.

Due donne, due mamme… Ma può essere?

Natura e adozione sono identiche?

E io chi sono? Il frutto di quale pianta?

Di una malamente o di una santa?

Mi arriva una vocetta quji, dal cuore:

– Tu, di certo, sei figlia dell’amore:

l’amore di chi ti ha messo al mondo

e quello di chi non ti ha mandato a fondo! –

Articolo precedente
Articolo successivo
Nessun Commento

Inserisci un commento