HomeLa RivistaFolklore e dialetti“QUILE SENTEMIENTE”

“QUILE SENTEMIENTE”

Abruzzesittà poetica / 55/

“QUILE SENTEMIENTE”

di Ugo Evangelista

Aprile, dolce dormire!” La saggezza popolare non tradisce quasi mai e la dolcezza di questo mese viene da lontano… Forse per i primi tepori, per il profumo dell’aria, per gli sprazzi di sole che squarcia le nubi, per le folate di vento che fanno leggeri i tanti voli di uccelli. Può essere tutto, lo so, un tutto che viene  carezzato dal cinguettio mattutino e serale e dal suono argentino delle campane  che invogliano a rilassarsi, magari appisolandosi.  Aprile è “il mese gentile che tutti gli alberi farà fiorire, vecchi e giovani farà innamorare ed anche gli uccelli farà cantare!”

Proprio in questi giorni m’è tornata alla mente una poesia dell’amico e poeta Ugo EVANGELISTA, sulmonese. Ricordavo questa poesia proprio pensando a ciò che questo mese sembra voler offrirci: un assaggio, piccolo, del bello che i giorni a venire si accingono a darci: di tutto un po’, ma soprattutto di dolcezza tanto! Almeno è questa la speranza che ci portiamo dentro e che, alla fine, sfocia nell’ incanto e nella dolcezza più antichi e più intimi: quelli dell’amore.

Qualcuno, magari, si chiede: “Di quale amore? Del primo?” Ugo Evangelista potrebbe sorprenderci con un’altra domanda: “Perché esiste un amore che non sia il primo?”

Forse ha ragione: ogni amore è sempre il primo per come colpisce, per come ferisce e, anche, per come – qualche volta – finisce!

QULE SENTEMIENTE….

di U. Evangelista

Quiste core, all’assecrùne,

cresce i bàttete d’amore

quanne passe ’na ’uajjone…

Nghe ’na ndicchie d’allusiòne

me procùre battecòre.

E’ n’assagge de la vite

e l’allusiòne, ’apù, è svanìte;

forze nen éve lu mumente

p’accuppiàrse fullemènte.

Pe’ lu core è lu rodàgge

pe’ rescì a truvà curàgge.

Suole quacche anne dope

so’ remenùte j’ malànne

a revedé ’na ’uagliuncéllle

surredènte, schiétte e bèlle.

Quile sguarde accattevànte

m’ha ’mbrujjate all’estànte…

quiste core fessacchiòtte

ha remàste lésse e cotte!

Tante tiempe, mò, è passate,

ma l’effètte è aumentàte!

QUEL SENTIMENTO

Questo cuore, all’improvviso,

aumenta i battiti d’amore…

Quando passa una ragazza

dallo sguardo malandrino,

con un pizzico di allusioni

mi procura il batticuore.

E’ un assaggio della vita,

l’illusione, poi, è svanita;

forse non era il momento

per accoppiarsi follemente.

Per il cuore è stato il rodaggio

per riuscire a trovare coraggio.

Solo qualche anno dopo

son tornati i malanni

nel rivedere una figliola

sorridente e sempre bella.

Quello sguardo accattivante

mi ha imbrogliato sull’istante…

questo cuore fessacchiotto

c’è rimasto lesso e cotto!

Tanto tempo ora è passato,

ma l’effetto è aumentato!

Nessun Commento

Inserisci un commento