“LA MADDALENE”

BUONA DOMENICA DI PASQUA E BUONA SETTIMANA AI LETTORI DI “CENTRALMENTE” LA RIVISTA DELLA DOMENICA

a nome di tutti gli autori

                                                                   Il Direttore Pierluigi Palmieri 

Abruzzesità poetica / 54 

“LA MADDALENE” 

di Fra Lorenzo Tucci

Domenica di Pasqua, resurrezione, apertura alla gioia del vivere, alla speranza che il futuro ci sia e non sia una brutta copia del presente, non bello di suo.

Il fascino della Pasqua, simbolicamente racchiuso nella vittoria della vita sulla morte, del bello sul brutto, del dolce sull’amaro, del bianco sul nero, della gioia sul pianto, dell’amore sull’odio, nei piccoli centri del nostro Abruzzo si mostrava negli abbigliamenti colorati delle ragazze, nei capelli imbrillantinati dei ragazzi, nello scampanio assordante che metteva in moto svolazzi di uccelli , forse, solo innamorati.

Poco importava che il clima fosse tiepido o ancora pungente; era Pasqua e il colore delle uova lessate in casa e artigianalmente dipinte, non era nient’altro che la simbologia della vita contadina e paesana che trasferiva, sui gusci di uova sottratte al fabbisogno alimentare, dovizia di colori a significare ricchezza di sogni e di speranze positive. 

Per credere ci vuole coraggio e il coraggio non è da tutti. 

Con l’augurio di una felice Pasqua 2022, affidiamo il nostro omaggio poetico della domenica ai versi, belli gradevoli e toccanti. di Fra Lorenzo Tucci

LA MADDALENE

di Fra Lorenzo Tucci

La dumeneche, di matina preste,

Marija Maddalene, leste leste,

a lu sante sepulcre se n’ à ite,

pe’ ’mprofumà Gesù da cape a pite.

Mentre piagneve pe’ lu morte accise,

s’à ndrà viste accante, a l’ampruvvise,

nu tizie che j-à ditte di nen piagne

e di nen fa’ lamente e mache lagne.

E, penzenne che fusse lu becchine,

j-à dummannate, senza fa’ muine:

Signò, lu corpe di lu morte addò stà,

perché le tenghe da ògne e ‘’mprofumà?”

E Quelle: “Marì, nen ti si’ accorte,

che J’ so Gesù, proprie mo’ risorte?”

Maestre me’!”, ésse  ha ndrà strillate

E d’abbracciarle forte avé tentate,

ma Gesù: “St’attente, nen mi tuccà,

pecchè ‘’n Ciele ancore tenghe da ‘’ntrà!

A li discipule, smarrite e triste,

dà l’avvise che vive mi si’ viste!”

Ma quille, tutte afflitte e scuraggite,

appena la nutizie hanne appurite,

si so’ ditte:”Fisime e fantasije

di fèmmene che tenghene manije!”

Sole Pietre e Giuvanne so’ currute

a vede’, di persone, l’accadute;

lu sepulcre stè tutte spalancate

e la tombe ere aperte e svuitate;

dentre ci stè, piegate, lu sudarie

e lu lenzuole, usate a le Calvarie.

Li ddu’ discipule, allore, hanne credute,

che Gesù pure la morte avè vinciute!

LA MADDALENA

La domenica, di buon mattino,

Maria Maddalena, veloce veloce,

è andata al santo sepolcro

per improfumare Gesù da capo a piedi.

Mentre piangeva per la morte a mezzo uccisione,

si è visto accanto, improvvisamente,

un tale che le ha detto di non piangere 

e di non lamentarsi né lagnarsi.

Pensando che fosse il becchino,

gli ha domandato, senza cerimonie:

“Signore, dove sta il corpo del morto?

Perché lo devo ungere e improfumare.”

E quello: “Maria, non ti sei accorta

Che io sono Gesù, risorto proprio adesso”?

“O mio Maestro!” avrà strillato lei

e avrà provato ad abbracciarlo ,

ma Gesù: “Sta attenta, non mi toccare,

perché devo ancora entrare in cielo!

Ai discepoli, disorientati e tristi, 

vai a dire che mi hai visto!”

Ma quelli (i discepoli…), tutti afflitti e scoraggiati,

appena hanno saputo la notizia,

si son detto: “(Sono) Fisime e immaginazioni

di donne che hanno manie!”

Soltanto Pietro e Giovanni hanno corso

per andare a vedere, di persona, l’accaduto;

il sepolcro era tutto spalancato

e la tomba era aperta e vuota;

dentro c’era, piegato, il sudario

e il lenzuolo, usato al Calvario.

I due discepoli, allora, hanno creduto

che Gesù aveva sconfitto anche la morte!

Nessun Commento

Inserisci un commento