HomeLa Rivista“A ’STU  PAESE”

“A ’STU  PAESE”

Abruzzesità / 51

“A ’STU  PAESE”

I segni del tempo, del vuoto e dell’abbandono, che toccano i nostri piccoli borghi interni dell’Abruzzo, si mostrano ancora più crudi al chiarore delle prime giornate primaverili. Il sole prova, col suo calore, a carezzarli, ma le ferite restano così come restano, nel cuore di chi ha vissuto quei loghi in atra stagione, immagini e suoni di una vita d’altri tempi, una vita ricca di voci e volti che il tempo ha disperso e la memoria, a volte, prova a rintracciare tra i ricordi. 

Diana CIANCHETTA, sulmonese, donna di scuola e poetessa delicata,  non cela la tristezza di chi quei luoghi li ha vissuti, non la cela, ma la mitiga riuscendo a cogliere, tra ruderi ed erba spontanea, un bocciolo di fiore. E’ un segno, un sogno o che altro ancora? Forse una segreta speranza di risurrezione? 

A ’STU  PAESE

di   Diana Cianchetta

A ’ stu paese

le soje de le porte

so’ tutte cunzumate.

Lu tiempe passe

e le rallisce

cum’a nu cane

che s’allecche

la ferite.

I titte ammucurite

pàrene

mantere rappezzate

stese ’mbacce a sole.

’Mmiezze ai pinche

ce nascene le ierve,

se rappicche nu bocciole

e scoppe,

pe’ meracule,

nu fiore

a spià

le viarelle de fermiche

e le crepe

de i mure ’ncaucenate.

Le foje de le canne

se strizzene allu viente

che luntane

se trascine

i remmure

de le prete sderrupate…

E i’,

cum’alendanne,

remane

a ’stu curnicchie,

a pecurà

la calate de lu sole

’nghe le carne

che s’arricciene

e lu core

sfremmecate.

IN QUESTO PAESE

In questo paese

le soglie delle porte

sono tutte consumate…

Il tempo passa

e le liscia

come un cane

che si lecca

la ferita.

I tetti ammuffiti

sembrano

grembiuli rappezzati

stesi al sole.

In mezzo ai coppi

ci nascono le erbe,

si appende un bocciolo

e sboccia,

per miracolo,

un fiore,

a spiare

l’andirivieni di formiche

e le crepe 

dei muri incalcinati.

Le foglie delle canne

si strizzano al vento

che lontano

si trascina

i rumori

delle pietre sbrecciate.

E io,

come allora,

rimango

in questo angolino

a rimirare

il tramonto del sole

con la pelle

che si accappona

e il cuore

in frantumi.

                  

Nessun Commento

Inserisci un commento