HomeLa RivistaFolklore e dialetti“VA’ ZAPPE!”  (“WHATS APP!”)

“VA’ ZAPPE!”  (“WHATS APP!”)

Abruzzesità poetica / 48

  VA’ ZAPPE!”

Qualche termine in voga con le nuove tecnologie, tradotto nei suoni del linguaggio dialettale abruzzese, trova una certa assonanza con il nostro “Va’ zappe! ”, “Vai a zappare!”. Certo la fatica della zappa e del bidente avevano tutt’altro peso e richiedevano tanto di braccia e tanto di sudore che, solo a ricordarlo, continua a  procurare una sensazione di stanchezza. 

Nel linguaggio delle nuove tecnologie “WatsApp” non richiede forza, ma destrezza digitale, abilità nel dire e saper dire, nell’incuriosire, nell’attrarre consensi, cuoricini, “mi piace”. L’equivoco che i due suoni generano non è astruso e, forse, aveva ragione Andreotti: “Pensar male è peccato, ma qualche volta ci si azzecca ! 

Così trova ragion d’essere il dubbio di chi, pur zappando sodo insieme alla moglie, riesce a malapena a “campare”: non è che si parli di tutt’altro modo di zappare? Il dialetto della composizione è quello di Villalago (AQ), dialetto “vellacchiane”, e il componimento è preso dalla raccolta “La Ville” (per l’appunto Villalago). 

“VA’ ZAPPE!”  (“WHATS APP!”)          

di Enea Di Ianni

Ogni generaziòne l’ha passàte

’na sorte de mumènte ’mbarazzànte,

’na specie de jurnàte stravagànte

che voglia, forza i voce j’ ha fiaccàte.

Dope la ’uerre, nghe muorte i fame tante,

tutte a ’spettà l’arrive de “Baffòne”:

la spranze de puté cambà cchiù buòne,

d’avé le stesse cose tutte quante.

Fenìte quile suonne, n’atre ancòre

ci ha revussàte i ci ha remìsse ’n mote.

La libbertà, de cierte, è la revòte

che da cumpàrse ce fa tutt’attòre!”

Uogge po’ esse ognùne tutte o niénte,

depènde solamènte da la voglie,

magàre da le ’mpegne, da la moglie

se tè’ ’na mane leste i ’ntellegènte

che ce sa move tra i bettuncìlle

de ’ne telefonine o ’na tabblétte

i nghe fesbùcche, nghe tante frasétte,

t’avvìa letanìe a mille a mille.

E’ le progresse! – m’ha ditte Giuànne

che mo’ nen zappa cchiù, dorme a le frische

proprie cummà l’amiche sé’, Francìsche,

i ce ne vane ’n gire a tutte l’ore.

Le moglie so’ a tené’ l’occupaziòne:

E’ ne lavore gnuòve i delecàte

che ’mpegna quase tutta la jurnàte ! –

“Va zappe”, m’ hane ditte, è ’sta passiòne.

J’ zappe, scì, ma quele che raccòglie

so’ aglie, so’ cepòlle i peperùne,

nen so’ de cierte tutte ’sse suldùne

che quije ce so’ fatte nghe le moglie.

Depènde, forze, da la terra mé’?

Magàre da la zappa che nen va?

O forze solamènte – chi le sa? –

da cummà zappa la segnòra mé?

Whats App

Ogni generazione ha vissuto

qualche momento imbarazzante,

una specie di giornata stravagante,

che ti fiacca voglia, forza e voce.

Dopo la guerra, con morti e tanta fame,

tutti stavano aspettando l’arrivo di “Baffone”: 

la speranza era di poter vivere meglio,

di avere tutti quanti le stesse cose.

Finito quel sogno, un altro ancora

ci ha spinto e rimesso in movimento:

“La libertà, di sicuro, è la svolta

che da semplici comparse ci fa protagonisti!”

Oggi ognuno può essere tutto o niente,

dipende solamente dal volere,

magari dall’impegno, dalla moglie

se ha una mano veloce e intelligente,

tale da sapersi muovere tra i tasti

di un telefonino o di un tablet

e con Facebook, con tante frasette,

scambiar messaggi a non finire. 

– E’ il progresso! – mi ha detto Giovanni

che ora non zappa più, dorme al fresco

proprio come il suo amico, Francesco, 

e se ne vanno in giro a tutte le ore.

Sono le mogli ad essere occupate: 

– E’ un lavoro nuovo e delicato

che occupa quasi tutta la giornata! –

WhatsApp”, mi hanno detto, è questa passione.

Io zappo, sì, ma quello che raccolgo

sono agli, cipolle e peperoni,

non son di certo tutti quei soldoni

che quei due si son fatti con le mogli.

Dipende, forse, dal terreno mio?

O magari dalla zappa che non va?

O forse solamente – chi lo sa? –

da come zappa la mia signora?

 

               E. DI IANNI, “La Ville”, Lupieditore Sulmona (AQ) 2019, p. 65;

                               “…l’arrive de Baffòne”: l’arrivo del Comunismo, rappresentato da Stalin, l’uomo coi baffi.

Nessun Commento

Inserisci un commento