HomeLa RivistaIL MONDO DEL COSMETICO PER IL MASSAGGIO DEL BENESSERE ( prima parte )

IL MONDO DEL COSMETICO PER IL MASSAGGIO DEL BENESSERE ( prima parte )

Benessere / 47 

di Giuseppe Mazzocco

   Uno dei tre pilastri del benessere, inteso come equilibrio psicofisico della persona in armonia col mondo e con gli altri, è il massaggio: un insieme di manualità, organizzato in pratica specifica, per risolvere situazioni particolari. 

   Tecnicamente, il massaggio ha due profili, differenziandosi in un’azione dal carattere preventivo ed un intervento con finalità terapeutiche, a seconda che l’atto manipolativo sia realizzato su un uomo sano o su un soggetto ammalato. 

   Il massaggio preventivo, fatto per la ricerca del benessere, non ha bisogno né di prescrizione, né di diagnosi, mentre quello terapeutico è parte integrate di un processo di riabilitazione.

   Tutti i tipi di massaggio usano, per i loro fini, delle sostanze veicolanti specifiche che, per il massaggio estetico, sono i prodotti cosmetologici, mentre per i massaggi terapeutici sono i prodotti medicinali. I prodotti usati nel massaggio preventivo estetico non hanno bisogno di particolari indicazioni, mentre le sostanze da massaggio, usate nelle terapie manuali, sono prescritte, dopo una diagnosi medica. La differenza, quindi, dei due tipi di massaggio (preventivo e terapeutico) si riconosce anche nel tipo di sostanze usate per l’attività pratica.  

   Il massaggio estetico usa solo i cosmetici che, per definizione, sono i prodotti che conservano la morbidezza e la freschezza della pelle e, come tale, sono i mezzi tecnici adatti al perfezionamento della piacevolezza del corpo umano. Il benessere, quindi, passa attraverso il massaggio preventivo estetico fatto con l’uso di sostanze cosmetiche.

   I cosmetici sono sostanze e preparazioni (diversi dai medicamenti) destinati ad essere applicati sull’epidermide, sul sistema pilifero o sui capelli, sulle unghie, sulle labbra, sui denti o sulle mucose della bocca, allo scopo esclusivo o prevalente di pulire, profumare o modificare l’aspetto estetico o correggere gli odori. L’uomo usa, almeno e statisticamente, otto cosmetici al giorno.

   La caratteristica che contraddistingue, sempre, un cosmetico da un farmaco è l’azione superficiale; prevedendo l’uso ed il dosaggio liberi da prescrizione medica e con un rapporto rischio-beneficio pari a zero, quindi senza nessuna controindicazione.

   La differenza tra un medicinale ad uso dermatologico ed un prodotto cosmetico è rilevante: il primo cura le malattie e le alterazioni sostanziali; il secondo è indicato per prevenire, proteggere, idratare e detergere la cute, senza avere attività curativa. Nessuna differenza, invece, sui controlli produttivi e sulle etichettature: per il farmaco, come per il cosmetico, vi sono severe leggi per la produzione e chiare indicazioni per la messa in commercio e per l’uso.

   Il cosmetico si applica sulla pelle sana con finalità estetiche, igieniche e protettive. Il farmaco si applica sulla pelle malata con finalità terapeutiche.

   Il punto d’incontro del prodotto medicinale e del cosmetico è la pelle che riceve il prodotto o per cura o per benessere, ma sempre nella completa certezza di non avere danni. La pelle è un organo complesso che, per minima informazione, in un centimetro quadrato possiede, in media, 10 peli, 100 ghiandole sudoripare, 2.500 cellule sensoriali, 3 metri di vasi sanguigni e linfatici, 12 metri di nervi e tantissime cellule del sistema immunitario. Per queste qualità peculiari e per tanto altro, ogni prodotto che si applica sulla pelle deve avere le caratteristiche della sostanza prodotta secondo regole stabilite, testata e garantita scientificamente. 

   Il cosmetico deve essere sicuro ed adatto a tutti perché, a contatto diretto con la pelle, non deve squilibrarne le caratteristiche più importanti: la funzione di barriera, di secrezione, di assorbimento, di eliminazione, di regolazione della perdita dei liquidi, di termoregolazione, di deposito, di sintesi, con una particolare funzione immunologica e sensoriale.

   Un regolamento del parlamento e del consiglio europeo del 30 novembre 2009 sui prodotti cosmetici ne stabilisce la definizione, le caratteristiche e l’uso.

   Il benessere, quindi, oltre al massaggio deve avvalersi anche dei prodotti del mondo dei cosmetici che, nel panorama industriale, si porta dietro importanti studi e ricerche scientifiche, una nutrita filiera di collaborazioni, un elevato numero di posti di lavoro, con un considerevole giro d’affari.

  

Articolo precedente
Articolo successivo
Nessun Commento

Inserisci un commento