LA VISITA MEDECHE 

ABRUZZESITA’. POETICA / 43 

 LA VISITA MEDECHE 

                                        di Aldo  AIMOLA

C’è sempre da sottolineare qualcosa neI rapportI tra moglie e marito e non solo oggi, ma anche ieri e ieri l’altro e, ancora, domani e poi domani.  

La vita di coppia, di tutte le coppie, nell’insieme di momenti belli, chiassosi, silenziosi, noiosi e anche litigiosi, realizza, giorno dopo giorno, copioni, atti unici e improvvisati, ricchi di creatività e con attori che interpretano “a braccio”, senza canovaccio scritto. Il copione, se si vuole, può essere scritto “a posteriori”, dopo che i fatti e gli eventi si sono svolti.

La poesia di Aldo Aimola, con tonalità leggere che racchiudono ironia e affetto, vero e verosimile, è proprio uno spaccato di vita di coppia in cui lui si pone come da interrogare, lei la saggia che ascolta e un poco se la gode, sorniona, per essere stata premonitrice per tempo e anche avveduta. 

Premonitrice, ma non di tutto! Il palcoscenico, ancora una volta, è la vita che ci accoglie e, bene o male, ci forgia.

LA VISITA MEDECHE di Aldo AIMOLA

Embè, Giuvà, ch’à ditte lu dottore?

Marì , m’à ditte: “Piane ’nche lu vine,

sennò se scàsse ’n tutte ssu motore

e se sfasce la funzione de le rine!”-

N’n te l’avè ditte i’? Mu tu nijente;

sci fatte sempre tutte lu cuntràrie.

E pe ssu ’refiatà ’rrachite e lente

gne quande ca te stasse a mancà l’àrie?

M’à ditte: “Amiche care, niente fume

se vu’ campà serene ’n atre ’ccune,

ca ’mpette te se furme gne na schjume

nerastre che te ’ntase le pulmune”-

E brave! Quanta jurne àje strillate:

“Jtte ssa sicarette ca t’accide!”.

Maje na vote me scì adduselate,

e mu, oh, certe ca me cride!-

Giuvà, n’n t’à ditte atre lu dottore?-

Ce stasse n’atra cose veramente… :

manche la puzze cchiù de lu lavore;

repose, inzomme; n’naje a fa nijente!-

Marije l’arehuàrde pensierose

e fa: “Giuvanne mè, care tesore,

ma tu scì ancore frèsche gne na rose!

N’n dà rette, n’n ce fa case a lu dottore!”

LA VISITA MEDICA

-“Mbè, Giovanni, cosa ha detto il dottore?”

“Maria, m’ha detto: – Adagio con il vino, 

sennò si rompe tutto il tuo motore

e si sfascia la funzione dei reni!” –

Non te l’avevo detto? Ma tu niente;

hai sempre fatto tutto il contrario.

E per quel tuo respiro rauco e lento,

come se dentro ti mancasse l’aria?”  

– M’ha detto: “Amico caro, niente fumo

se vuoi vivere sereno ancora un po’,

perché nel petto si forma una schiuma

nerastra che i polmoni fa intasare.”-   

– E bravo! Quanti giorni t’ho gridato: 

Getta la sigaretta che ti uccide!”

Ma mai una volta che m’hai ascoltata;

ed ora, oh, certo che mi crederai! –  

– Giovanni, non t’ha detto altro il dottore? –  

Sì, veramente c’è un’altra cosa:

neanche più la puzza del lavoro;

riposo, insomma non debbo fare nulla! –

Maria lo fissa tutta pensierosa

e fa “Giovanni mio, caro tesoro,

ma tu sei ancora fresco come una rosa!

Non dar retta, non far caso al dottore!”

  

Nessun Commento

Inserisci un commento