LU DESIDERIE MI’

ABRUZZESITA’ POETICA /41

”LU DESIDERIE MI”

 di  Leonardo FECCHIA

 

Esistono tante persone che sgomitano per farsi largo, per mostrarsi, per apparire e poi accade che, casualmente, ne incontri una, di persona, che non ha sgomitato mai, anzi si è sempre ritratta, quasi rannicchiandosi, per evitare di turbare quanti gli passavano accanto.

Leonardo FECCHIA, classe 1889, sulmonese, diplomato dalla rinomata Scuola Tecnica di Sulmona, capo ufficio delle Poste e Telegrafi, “cavaliere suo malgrado, taciturno e schivo”, poeta autodidatta, è uno di questi. 

Compone in dialetto e in lingua e, quando decide di lasciare traccia di sé nell’unico libretto dato alle stampe (“Le rime de Furefuricchie”),  fa fatica ad avvicinare Ottaviano Giannangeli  perché “trascelga” dalla sua ricca produzione  degli esempi” che abbiano un senso.

Il Fecchia è nato osservatore attento e minuzioso delle cose del mondo, pronto a passarle nella sua lingua che per elezione è stata sempre il dialetto.

Il suo difetto, il suo vizio congenito, da buon sulmonese ed… erede di Ovidio, è costituito semmai nella estrema facilità a poetare…

…Quindi parleremo per lui di estemporaneità, di prontezza di riflesso poetico anziché  di svolgimento e di parabola. 

Siamo di fronte ad una poesia istintiva e si ha l’impressione che i suoi versi seguano la vita della città. Un poeta sì, ma anche cronista: un cronista sognatore, come nella poesia “Lu desidèrie mi” del 1927. Leggendola scopriamo di condividerlo, quel suo desiderio perché è un desiderio bucolico connaturato agli esseri umani: uscire dal tran-tran giornaliero e tuffarsi tra le bellezze, i suoni e i colori della vita agreste. 

LU DESIDERIE MI’

Oh se putess’avè na casarelle

tutt’appartate mmiezz’ a na campagne,

addò cantesse sole na furmelle!

J’ vularrì soltante sta cuccagne

felice pe’ passà la vita me’

da farm’avè la mmìdie da lu re.

Vicin’a la casette vularrì

na terre pe spassarme suole suole;

e, senz’angustie chiù, sementarrì

patane, cipullette e paparuole.

Cuscì me gudarrì lu sole e l’arie

a chela vita sante e suletarie.

Senza permesse chiù, senza cunzijje,

me faciarrì na cove de cajine,

me faciarrì na cove de cunije;

sarrì cheste pe mi vita devine:

lu juorne a remerà le cajinelle,

la ser’a cuntemplà tutte le stelle.

Forse me mpazzarrì de cuntentezze

de bott’ a ffà la vite de lu cielle,

senza tenè chiù ’n ganne la capezze!

E vedarrì lu munne tante bielle.

Ma dimme, dimme tu, chi me le dà

sopr’ a sta terre sta felicità?

IL MIO DESIDERIO

Oh se potessi avere una casetta

tutta appartata, in mezzo alla campagna,

dove a cantare fosse solo un ruscelletto!

Io vorrei solo questa cuccagna

felice per trascorrerci la mia vita

e tale da procurarmi l’invidia del re.

Vicino alla casetta mi piacerebbe

un po’ di terra per spassarmela solo solo;

e, senza angustiarmi più, seminerei

papate, cipollete e peperoni.

Così mi goderei il sole e l’aria

con quel vivere santo e da solitario.

Senza più permessi, senza consigli,

alleverei una covata di galline,

alleverei una nidiata di conigli;

questa sarebbe per me una vita divina:

il giorno a rimirar le gallinelle,

la sera a contemplar le stelle.

Impazzirei, forse, per la contentezza

di fare, di botto, la vita dell’uccello,

senza più avere la cavezza al collo!

E vedrei il mondo tanto bello.

Ma dimmi, dimmelo tu, chi me la dà,

sopra la terra, questa felicità?

               L. FECCHIA, Le rime de Furefuricchie , Ed. D’Amato SULMONA 1964, p.Fedeltà al dialetto, Prefazione, p. 3,

                L. FECCHIA, op. cit., p. 12.

Nessun Commento

Inserisci un commento