HomeLa RivistaFolklore e dialetti L’AMORE E LU FIORE

 L’AMORE E LU FIORE

ABRUZZESITA’ POETICA N. 41

 L’AMORE E LU FIORE 

“Fiore” e “Amore” da sempre fanno rima con “cuore”, “colore”, “calore”, ma anche con “pudore”, “timore”, “onore”, “sudore”, “dolore”.
Il poeta Rino PANZA, di Introdacqua (AQ) e già presentato ai lettori di “Centralmente”, con la delicatezza del suo modo di essere e sentire, cerca di capire proprio cosa leghi “fiore” e “amore”, il fiore all’amore e l’amore al fiore, la complicità dei loro linguaggi.
E’ un vincolo antico, il loro, viene da lontano e non si attenua, anzi sopravvive alle stravaganze delle mode e dei tempi.
Forse entrambi, amore e fiore, vivono del profumo che emanano? Profumo che si immagina, si annusa, si respira e nel quale, spesso, ci si confonde? 
O, piuttosto, perché entrambi, fiore e amore, incantano e incuriosiscono con i colori della vitalità, della leggerezza, della leggiadria?
O forse, e ancora, perché racchiudono tutti e due il senso del bello e della sua caducità e accendono immagini e fantasie contrastanti, dolci e amare, tenere e aggressive, volute e subite? 
L’AMORE E LU FIORE. 
di  Rino  PANZA
Me le so’ domandate tante vote
e nen ci trove ancore ’na risposte;
mò tante pe’ ’na prove l’addummànne
pure a sta rose che m’addore ’n mane.
Tu, rose, che me dice? Che te pare?
St’amore che se dice a ogni mumente
ci sta o ’n ci sta? – La rose nen risponne.
E che po’ dice? Appene mantemàne
steve sopra a nu rame ’mbacce a sole;
po’ ’na mane (’na mane delicate,
forrse…) ce l’ha struccate. Ecche l’amore:
ci sta e ’n ci sta, cuscì, com’a lu fiore
che campe fine a quande manne addore
e po’… se secche e more.
Lu fiore… l’amore…
L’AMORE E IL FIORE
Me lo son chiesto tante volte
e non ancora trovo una risposta;
ora, tanto per fare una prova, lo domando
anche a questa rosa che mi profuma tra le mani. 
Tu, rosa, che mi dici? Che te ne pare?
C’è o non c’è? – La rosa non risponde.
E che può dire? Proprio questa mattina
era su un ramo in faccia al sole;
poi una mano (una mano delicata,
forse…) l’ha colta. Ecco l’amore:
c’è e non c’è, proprio come il fiore
che vive fino a quando emana profumo
e poi… si secca e muore.
Il fiore… l’amore…
 Rino PANZA, LA SCALE, Centro Studi Abruzzesi XVIII 1973, p. 26
Nessun Commento

Inserisci un commento