HomeLa RivistaFolklore e dialetti “LA  NOTTE SANTE”

 “LA  NOTTE SANTE”

Abruzzesità poetica n. 38

Il mistero della natività, nei versi di Fra’ Lorenzo TUCCI – nativo di Lanciano e residente in Civitella del Tronto, nel Santuario-Convento  di S. Maria dei Lumi – si fa cosa nostra, di noi abruzzesi avvezzi al freddo e al gelo, al belar delle greggi, alla docilità dell’asinello e alla bonomia del bove, compagni all’uomo nelle fatiche quotidiane di un tempo. L’ispirazione è comune alle tante narrazioni, in versi e in prosa, della notte Santa; di diverso c’è lo sguardo del poeta abruzzese che non sa nascondere e trattenere la curiosità e spazia, fuori e dentro la stalla, volge lo sguardo al cielo, proprio lì da dove muove “nu core d’angilille” per dare la lieta novella “a pasture e pasturilli”. Ci siamo anche noi, ciascuno di noi, lì, nei pressi. Ci pare di ascoltarla la ninna nanna e c’incanta quel canto perché è tanto simile a quello che ogni mamma ha cantato al proprio bimbo. Affascinano quelle note, affascinano tanto che riescono a zittire “canucce”, “’’gnillucce” e “capritte”. E torna il miracolo del bello che stupisce e zittisce, rende avidi gli sguardi e toglie fiato a ogni voce. AUGURI  a Fra’ Lorenzo e agli amanti della poesia dialettale!

LA NOTTE  SANTE  1         

di Fra’ Lorenzo TUCCI

LA NOTTE SANTE 1

di Fra’ Lorenzo TUCCI

A na stalle di Betlemme,

da Marije verginelle,

ha spuppate, gne na gemme,

lu divine Bambinelle

e nu core d’angilille,

pe’ la gioie e la letizie,

a pasture e pasturille,

ha purtate sta nutizie:

Su, currète a visità

lu Messije e Salvatore,

che stà a piagne e a trimà

a na fredda magnatore,

ddò nu vove e nu ciuchine

l’ariscàllene a unite

e Marije, nche Peppine,

stanne, alloche, sbalurdite”!

E la lune, gne na palle,

nche la facce alluminate,

guarde fisse a chela stalle,

p’ammirà Cullù ch’è nate;

come fusse na persone,

che stà ’n ciele, tutte sole,

je ndrà cante sta canzone,

gna sa fa nu ruscignole.

Fa’ la nanne, o Piccirille,

statte strette ’mbracce a Mamme,

ca ’ssu pette, o Fije bbelle,

t’ariscalle, gne na fiamme !”

Li canucce stanne zitte,

pe’ nen fa svijà Gesù;

li ’gnillucce e li capritte

a belà ’n zi sente cchiù.

Ve’ n’addore diliziose,

che si spanne pe’ la vije:

è prufume di le rose,

di le viole e de li gije.

Mo’, la gente di stu monne

è beate, n’è cchiù triste,

pecché Dije e la Madonne,

j-hanne date Gesù Criste!

1 Fra Lorenzo TUCCI, Lu Vangele tale e quale, Edizioni Palumbi TE Via P. Taccone, pp.29-30.

LA NOTTE SANTA

In una stalla di Betlemme,

dalla vergine Maria,

è sbocciato, come una gemma,

il divino Bambinello

e un coro di angioletti,

per la gioia e la letizia,

a pastori e pastorelli

ha portato questa notizia:

Orsù, correte a visitare

il Messia e il Salvatore,

che sta piangendo e tremando

in una fredda mangiatoia,

dove un bue e un asinello,

insieme, lo riscaldano

e Maria con Peppino

stanno lì, son sbalorditi!”

E la luna, come una palla,

con la faccia illuminata,

guarda fisso quella stalla,

per ammirare Colui che è nato;

come fosse una persona,

che si trova in cielo, tutta sola,

frattanto canta questa canzone

come fosse un usignolo:

Fai la nanna, o Piccolino,

stretto e in braccio a Mamma,

perché il tuo petto, Figlio bello, 

lo riscalda, come funa fiamma!”

Stanno zitti i cagnolini,

gli agnellini ed i capretti

non si odono più belare.

Viene un odore delizioso, 

che si spande per la via:

è un profumo di rose,

di viole e di gigli.

Adesso, la gente di questo mondo

è beata, non è più triste,

perché Dio e la Madonna

hanno dato loro Gesù Cristo!

Nessun Commento

Inserisci un commento