Home2021Dicembre

      CHAMPAGNE CLAUDE MOUSSE' Cuvée Spéciale Per una ricorrenza speciale uno champagne speciale, proprio come questa bottiglia dell'artigiano per antonomasia che abbiamo già avuto modo di apprezzare nel corso della degustazione della “Riserva”. Prima di riproporvi la storia della cantina e i dettagli della vinificazione aggiungo

Il Limite/38 Il sacro limite  di Raniero Regni “Tempo di Natale, tempo religioso, tempo del sacro, tempo della Festa. Tempo di riscoprire il limite e la distinzione tra il sacro e il profano” L’essere umano è un animale simbolico, come ci dicono alcuni filosofi. L’unico essere che sa distinguere

Abruzzesità poetica n. 38 Il mistero della natività, nei versi di Fra’ Lorenzo TUCCI - nativo di Lanciano e residente in Civitella del Tronto, nel Santuario-Convento  di S. Maria dei Lumi - si fa cosa nostra, di noi abruzzesi avvezzi al freddo e al gelo, al

Economia &Finanza INVESTIRE NELL'URANIO ? SI, MA CON GIUDIZIO. di Mario Travaglini La scorsa settimana abbiamo visto come la questione del nucleare sia tornata di attualità in modo inaspettato e prepotente. Tuttavia la cautela resta indispensabile se si desidera investire nella principale materia prima impiegata

 Attualità/37 di Sandro Valletta L’assenza di Fabrizio De Andrè, nell'imminenza del ventitreesimo anniversario della morte (11 gennaio 1999), è sempre più struggente. E’ la mancanza di chi aveva dedicato la propria voce, la propria musica, ai “servi disobbedienti alle leggi del branco”. Il mondo poetico di “Faber”

TORCOLATO MACULAN In previsione delle prossime festività, durante le quali sulle nostre tavole non mancheranno di certo i dolci, oggi assaggiamo il Torcolato della famiglia Maculan che da ben tre generazioni seleziona e vinifica le migliori uve di Breganze, un incantevole paese ai piedi dell’Altopiano di

ABRUZZESITA’ POETICA/ 37 LU CARDILLE La vita! Cos’è la vita? Non è sempre facile dirlo anche se di essa parlano e scrivono tanto e in tanti. Si è anche cantato della vita.  Mi torna in mente un motivo che riecheggiava dalle “Cantine” di paese la domenica pomeriggio, quando