HomeLa RivistaFolklore e dialetti“NEN CE PENSA’ ” 

“NEN CE PENSA’ ” 

ABRUZZESITA’  POETICA/ 33  

“NEN CE PENSA’ ” 

Salvatore Mampieri, nativo di Introdacqua (AQ) e poi trasferitosi fuori Abruzzo per ragioni professionali, oltre che poeta è stato anche autore di testi di canzoni folcloristiche in dialetto, canzoni anche di un certo successo. 

Torna a comporre in versi negli anni ottanta e presenta al pubblico, con prefazione di Rino Panza, un volumetto tascabile dal titolo “’Na terre amare”. All’interno composizioni diverse, non tante, ma sufficienti a far gustare a pieno il senso delle cose di casa nostra: le amicizie, i luoghi, i banchetti, le feste, anche se, proprio nei paesi, il contrasto generazionale pare assumere, in quegli anni, toni più forti. Va detto, però, che in paese ci si conosce tutti e per questo il confronto ha un sapore diverso. 

Alla fine della contrapposizione gli uni e gli altri, i contestatori e i contestati, tornano ad essere gli amici di sempre: quelli che si rincontreranno in Val di Contra, oppure nei banchetti, o piuttosto nei falò in onore di Sant’Antonio Abate, quello di Introdacqua. 

Il componimento scelto, “Nen ce pensà”, vuole essere una riflessione sulla vita. 

Cos’è la vita? Vale la pena preoccuparsene? 

Veloce come il vento, la vita è anche bizzarra come il vento: a tratti ruggente, altre volte sommessa, rinunciataria e poi di nuovo bislacca. Un consiglio per non viverla “morendo”? 

Non pensarci e viverla. Sempre e tutta! 

NEN  CE  PENSA’        

di Salvatore Mampieri

Nen ce pensà. La vite è gna lu vente

che pare nu cavalle ’mbizzarrìte

pe’ la pianùre, pare lu putènte,

lu forte che nen trove pace e luoghe,

scupèrchie i tette, sfasce le capànne,

jette nghe la teste a capabbàlle

le piante arradicàte da trent’anne.

Ma quande po’ s’accoste a la muntàgne

devènte gna nu ciucce, fa fatiche,

se ferme tra le rocce e i vallùne,

se perde tra le valle o tra le cime.

E’ mene forte, ma fa cchiù rumòre

perché c’è la salìte che l’affànne

e, se nen porte già ’na spinta bone,

deffécele ca po’ arrevà a la cime. 

Nen ce pensà perciò; è gna nu vente

ca dove cesse casche pe’ la vie

e se fa male mene chi, cuntènte

de poche, s’avé messe già ’n cammìne.

NON PENSARCI

Non pensarci. La vita è come il vento

che sembra un cavallo imbizzarrito

in pianura, pare il potente,

il forte che non trova pace e luogo,

scoperchia i tetti, sfascia le capanne.

Getta con la testa sottosopra

Piante radicate da trent’anni.

Ma quando poi si avvicina a la montagna

diventa un ciuccio, fa fatica,

si ferma tra le rocce ed i valloni,

si perde tra la valle e tra le vette.

E’ meno forte, ma fa più rumore

perché c’è la salita che lo affanna

e, se non porta già una buona spinta,

difficilmente può arrivare in cima.

Non pensarci: è come un vento

che dove cessa cade per la strada

e si fa male di meno chi, contento 

di poco, si era già messo in cammino.

(E. Di Ianni)

Nessun Commento

Inserisci un commento