HomeLa RivistaFolklore e dialetti“ ‘U PECURALE ” 

“ ‘U PECURALE ” 

ABRUZZESITA’ POETICA N. 32

C’è sempre chi parla a sproposito, tanto per dire, per dar fiato alla bocca. E’ il messaggio di Raffaella Del Greco, di Anversa degli Abruzzi (AQ), figlia di pastore e, poi, maestra di scuola elementare. Lei la conosce bene la vita del pastore, del “pecoraio”, l’uomo che cura le pecore, il gregge, in tutte le necessità: dalla mungitura, al pascolo, alla tosatura, alla transumanza. Quanti ricordi la legano al suo papà Michele: tanti momenti che hanno sapore di affetto misto a odori di gente e luoghi della sua infanzia. A questo padre ”pecoraio” Raffaella Del Greco dedica un intero volumetto, 17 composizioni, e in ognuna il pensiero torna a carezzare i percorsi, le soste, le attività. I silenzi legati ad una vita di nomadismo quotidiano, un vagare tra monti e cielo, nel verde di pascoli silenziosi che danno un senso concreto alla libertà dell’uomo: libertà di vedute, di pensieri, di sogni che ti rendono, poi, capace, senza volerlo, di grandi cose.

Così papà Michele Del Greco, a 47 anni, paga con la vita l’aver aiutato altri uomini a sopravvivere: dei prigionieri evasi dal Campo di concentramento n. 78 di Sulmona. Li incrocia in montagna, condivide con loro quel poco che ha e, alla fine, paga il gesto di “cristiana solidarietà” fucilato dai tedeschi. Raffaella nel 1943 ha diciassette anni e quella tragedia non l’abbandonerà mai.

“ ’U PECURALE” è il componimento che apre la raccolta e dà nome alla pubblicazione del 19961. Mi piace riportare l’ultima terzina del libro, quella che dà la misura della fierezza della poetessa e dell’amore orgoglioso per il suo “pecoraio”. Papà Michele:

”Nen sacce s’haje rescite a raccundà

i sacrificie de ’u pecurale,

però ’stu pecurale eve tatà.”2

‘U PECURALE”  

                                              di Raffaella DEL GRECO

’U pecurale è nu mestiére sane

’n ge rombe l’osse p’auzà la zappe,

da la matine a sére ’che gli cane,

’che le pècure ce refà ’u ’uappe.

Magne, beve, sta zenza penziére,

alla mundagne trove l’aria fine,

nen regnògne ’m bacce a sere

stracche che l’osse rotte de la schine! –

Nu juorne m’have ditte ’ste parole

e forte me sendiétte ’ngenne ’u core. 

– Tu ne’ le sa’ che significhe stà sole

a case, quande allu paiése è feste.

Tu stìe ’m biazze tutte rembuppàte,

ma pàtreme st’a  pasce alla fureste.-

IL PASTORE 

– Il pastore è un mestiere sano

non si rompe le ossa per alzare la zappa,

dalla mattina a sera con i cani,

con le pecore ci rifà il guappo.

Mangia, beve, sta senza pensieri,

alla montagna trova l’aria fina,

non ritorna a casa verso sera

stanco con le ossa rotte della schiena! –

Un giorno mi hanno detto queste parole

e forte mi sentii dolere il cuore, 

– Tu non lo sai che significhi stare sola

a casa, quando al paese è festa.

Tu sei in piazza tutto abbigliato,

ma mio padre sta a pascolare alla foresta! –

Nessun Commento

Inserisci un commento