“ ‘U ARRUTINE ”

ABRUZZESITA’  POETICA / 31 /

“ ‘U   AR R U T I N E ”

   Un mestiere scomparso, quello dell’arrotino su bicicletta, torna nei versi di    Umberto DI  PAOLO, nativo di Campo di Giove (AQ), ferroviere, prima “frenatore” prima, e dirigente poi. Autodidatta, l’amore per la poesia dialettale lo porta a dedicare il tempo libero alle cose belle che la vita gli ha offerto e continua ad offrirgli ogni giorno: luoghi, accadimenti, scuola, lavoro, tradizioni, personaggi, ricordi: tutto si lascia cogliere e immortalare in uno scenario che sa di emozioni e commozione volutamente non trattenute, anche se misurate dalla dignità dell’uomo innamorato della vita, degli affetti, della terra che lo ha visto crescere e vivere.

Nel 1986 Umberto Di Paolo dà alle stampe il suo lavoro “Hajje paure ca reve’ tatone”1 (Ho paura che ritorni mio nonno): 53 componimenti in dialetto di Campo di Giove, componimenti spesso declamati dallo stesso autore con “voce pacata e suadente”, ma anche con l’immediatezza delle sue quartine che si nutrono di  squarci di vita quotidiana e si muovono tra il racconto, il ricordo e il rimpianto.

Garbato, com’è sempre stato in vita, l’amico Umberto Di Paolo mi piace presentarlo con le stesse parole che lui scrisse a prefazione dell’opera e che, ancora oggi, mi fanno uno strano effetto:

  

  “AL MIO LETTORE

 Ti partecipo i miei pensieri, i segreti del mio cuore e qualche dolce ricordo.

  Ho la speranza di diventare tuo amico, per mezzo di queste mie confidenze;

  qualche volta potrai trovare rispondenza di idee, similitudine di pensieri.

  Fàmmene un cenno, te ne sarò grato.” (U. Di Paolo)

’U   A R R U T I N E      

(di Umberto  Di  Paolo)

Arrutìneee! Canube tremenne;

le ruèlle ancore scure,

mane jelat e nase culenne.

’ncorpe com’a ’na paure.

Strille e ’usse ’nnante la cariòle,

tutte aièsse ’ncime carecàte,

j’attrezze, ’u pedale e la mole;

nen è ma’ secure la jurnate.

‘Na ronca stajjate e i curtelle;

la mole va forte e fa le chiure,

l’acque cale chiane a ’uttelelle.

Nu cane che passe mure mure.

Vé la gente, z’allarghe ’u core,

’na spere de sole te rescalle,

cuntentezze ’nsempre a ’u lavore,

lùcene j’òcchie, ze leve la scialle.

Nen te sente chiò nu furestere,

tutte mo pàrene fratelle;

tante pane, nen te pare vere,

pe’ i fijje chiene la scudelle.

Arrute e te fé ‘na cantatelle;

’mpiazze ce sta ancore ’na cantine,

nu becchiere, pane e murtatelle,

sempre ’ngire allucche, arrutìneee!

L’ARROTINO

Arrotinooo! Cammina tremando;

le stradine ancora buie,

mani gelate e naso che sgocciola,

in corpo come una paura.

Strilla e spinge avanti la carriola,

tutto là sopra caricato,

gli attrezzi, il pedale e la mola:

non è mai sicura la giornata.

Una roncola stagliata e i coltelli;

la mola va forte e fa le scintille,

l’acqua scende piano a goccioline.

Un cane passa muro muro.

Viene la gente, s’allarga il cuore,

un raggio di sole ti riscalda,

gioia insieme al lavoro;

luccicano gli occhi, si toglie lo scialle.

Non ti senti più un forestiero,

tutti adesso sembrano fratelli;

tanto pane, non ti pare vero,

per i figli piena la scodella.

Arroti e ti fai una cantatina;

in piazza c’è ancora una bettola,

un bicchiere, pane e mortadella,

sempre in giro grida, arrotinooo!

(E.Di Ianni)

Nessun Commento

Inserisci un commento