TOMMASO BRUNI

Agli albori del secolo scorso Tommaso Bruni raccoglieva, col titolo “Canti popolari abruzzesi”, dei componimenti in versi in uso tra la gente dell’area chietino-teramana. Nel 1993 tornano, a cura dell’Editore Adelmo Polla, ad essere riproposti al pubblico degli appassionati in una gradevole edizione tascabile e con prefazione di Vittoriano Esposito. 

Cosa c’è nei canti e nelle poesie popolari raccolte da Tommaso Bruni? 

C’è, come lui stesso scrive, “il genio poetico che fa guizzare i suoi lampi anche nelle capanne dei nostri agricoltori, perché esso non è monopolio di nessuna classe sociale”. Ci siamo noi abruzzesi, noi di oggi, di ieri e, speriamo, anche di domani; ci sono gli affetti di un popolo che, da sempre, lotta e non si arrende, che vive di onesto lavoro. 

E poi c’è l’amore, tanto amore, quello che rasserena gli animi dopo averli, prima, turbati e resi inquieti. C’è l’amore che accompagna la fatica delle nostre donne, le contadine, quelle che, quando lavorano, “cantano sempre, e cantano d’amore, nota predominante in tutte le manifestazioni dell’animo loro” 1.In omaggio a Tommaso Bruni, la poesia  Si ’na scingiata te putésse dà!”, diventata, poi, canzone musicata da F. Paolo Tosti. Il dialetto è quello chietino-teramano.

Si ’na scingiata te putésse dà! 2

La viulette nasce nna la fratte

quande lu verne se ne sctà 3pe ji’.

Nisciuna cos’arriva a la ’ntrasatte,

come l’amore che ti fa murì.

La luna sajje e cale ’nfra lu mese,

l’amore pi ttè sembre a cresce sctà 3,

e mo’ ch’è tonne come ’na ciresce

la bella faccia tè mi vo’ ’n chiuvà.

Lu core mé jè come ‘’na pajiare

Chi nghi ’na luccia sola s’appiccì.

Si pija tutta l’acqua di lu mare,

lu foche, certi, nin si po’ armurì.

Pi tté mi ni ride di lu sctrizze,

quande di Marze da lu mare vè’

e se la notte lu Punente frizze,

volle sctu core se ti po’ vidé.

Ni’ j’ èsse cchiù crudele, cal’abballe

ca di fiure ti vojia aricuprì;

già s’innamora l’alba, e fa lu calle,

fa prescte, ca caccune po’ vinì.

Sctu core che mi sbatte tante tante,

nghi ssa mane m’avisse da tuccà;

cundente chiudarré scta Pasqua santa

se ’na scingiata ti putesse dà!…

SE  POTESSI  DARTI  UNA  STRAPAZZATINA!

La violetta nasce in una fratta

Quando l’inverno stà per andarsene.

Nessuna cosa arriva all’improvviso

come l’amore che ti fa morire.

La luna cresce e diminuisce entro un mese,

l’amore per te cresce sempre,

ed ora che è rotondo come una ciliegia

il tuo bel viso mi vuole crocifiggere.

Il mio cuore è come un pagliaio

che con una sola scintilla prende fuoco.

Se prendi tutta l’acqua del mare

di certo il fuoco non puoi spegnerlo.

Per te io me la rido del freddo

quando, a Marzo, tira dal mare,

e se la notte il Ponente gela,

questo cuore bolle se riesce a vederti.

Non essere più crudele, scendi giù

perché  voglio ricoprirti di fiori;

l’alba già sboccia, ed è caldo,

fai presto, perché può venire qualcuno.

Questo cuore che batte al’impazzata,

dovresi toccarmelo con la tua mano;

Conteno chiuderei questa santa Pasqua

se potessi dare una strapazzata!

 (E. Di Ianni)    

Nessun Commento

Inserisci un commento