HomeCalcioSportCastel Frentano piange “Cicchino”, il ciclista centenario che corse con Coppi

Castel Frentano piange “Cicchino”, il ciclista centenario che corse con Coppi

[PROMOBOX] • Questo articolo è offerto dalla Farmacia Savelli Piergiorgio di Castelfrentano. La Farmacia Savelli, storica attività locale, vi aspetta per ogni vostra evenienza in Corso Roma 12 ed è contattabile al numero 0872.56128.

Castel Frentano in lutto per la scomparsa di Paolo Ferrante, il ciclista che corse con Alessandro Fantini e Fausto Coppi

Il 2020 è l’anno delle leggende che se ne vanno. Anche Castel Frentano rimane orfana di una sua leggenda del ciclismo. È morto alla veneranda età di 102 anni Francesco Paolo Ferrante, in arte “Cicchino”. Storico ciclista castellino degli anni ’40.

Il ciclismo frentano perde un’istituzione

Nato nel 1918, Cicchino è stato un valoroso ciclista degli anni ruggenti del ciclismo. La sua passione iniziò nel lontano 1936, quando comprò la sua prima bicicletta con i risparmi di due anni, venendo pesantemente rimproverato da sua mamma, come raccontò egli stesso due anni fa in occasione della festa per i suoi cento anni che si svolse presso il teatro comunale “Di Loreto-Liberati” di Castel Frentano. Da lì iniziò un’avventura che lo portò a misurarsi con i più grandi campioni della sua epoca come il fossacesiano Alessandro Fantini e i “Campionissimo” Fausto Coppi. Una carriera sviluppatasi con la squadra “Falcone” e poi con la Torosantucci. Nei primi anni ’50 Cicchino fondò anche una sua formazione amatoriale e nel 1952 aprì un negozio di biciclette nella sua Castel Frentano che divenne un punto di riferimento negli anni per tanti cicloamatori frentani.

Una vita in sella

Una passione che non lo ha abbandonato nemmeno nella vecchiaia. Nel 1975 infatti, divenne campione regionale con 17 gare vinte. Addirittura fino a pochi anni fa, alla soglia dei cent’anni lo si vedeva ancora andare in giro con la sua bici. Quando la vecchiaia lo costrinse ad abbandonarla, Cicchino ripiegò facendosi lunghe camminate a piedi che sono state il suo elisir di lunga vita. La piccola comunità castellina perde uno dei suoi più illustri personaggi.

 

Nessun Commento

Inserisci un commento